2016 has been an incredible year for the world: a lot of emotions, drastic changes, and a nagging feeling that the future might hold even more surprises for the years to come. As usual, designers are among the firsts to grasp and internalise current moods and trends translating them into finished products.

Below, a very personal selection of fashion and product designers that have characterized this 2016 with a positive outlook towards the future.

TAMARA ORJOLA

forest-wool-tamara-orjola-furniture-design_dezeen_hero

Who had never thought of recycling pine needles into a chair? Well, that has been the thought of Eindhoven graduate, Tamara Oriola after she discovered that every year 600 million of pine trees are cut down. And this figure representing just the EU alone. This number it’s already worrying. However, if we count that pine needles account about 20 to 30 percent of the mass of each tree, the number of unused needles reaches the billions.

With this consideration in mind, the designer decided to study a possible use of this excess of material transforming it into something else. After a bit of experimenting with standard manufacturing techniques (soaking, steaming, binding and pressing the needles), she developed Forest Wool: an impressive series of stools and carpets made out of pine needles.

Patterned with lines to recall the needles, the furniture shows the possibilities for Forest Wool and other materials leftover from industrial production.

WOOJAI LEE

woojai-lee-recycled-newspaper-furniture-paper-bricks-4

Whether recycling pine needle comes as a first (at least at current knowledge), recycling paper is not exactly something new. However, Korean-Zealander, WooJa Lee added a new dimension to the whole thing. He made bricks out of discarded paper.

His Paper Bricks are made from recycled newspaper. They are sturdy and stackable like the real ones and they feature the visual appeal of marble-like items with the perceived softness of paper or wood. To show the strength of these bricks, Lee built a bench, in light grey, and two coffee tables in blue and grey.

In the nearest future, the designer plans to extend the range of Paper Bricks into wall panels, room dividers, objects and more furniture series.

ECOALF

Ecoalf

Still in the theme of recycling, but this time applied to fashion, there is a Spanish brand that it’s worth to discover more. ECOALF was created by Javier Goyeneche in 2012 to realise innovation in recycled clothing. Goyeneche, after being frustrated by the exploitation of the world’s natural resources and the amount of waste produced by developed countries, decided to set up this brand.

His mission, through ECOALF, is to create recycled products that boast the same quality, design and technical proprieties of their non-recycled counterparts.

But there is more. What’s really inspiring – besides the cool and no-nonsense aesthetic – it’s the effort of the team of managing the full process from waste collection to recycling technologies, manufacture, design and retail.

Currently, the brand has partnered with 14 specialist manufacturers around the world that create garnets out of discarded fishing nets, PET plastic bottles, used tyres, coffee, post-industrial cotton and wool coming from the oceans transforming them into high-quality yarns and components for clothing, accessories and footwear.

CAMILLE WALALA

portrait-walala-website

Moving from ethical to ethnic with pop infusion, there is a designer that’s worth mentioning in this 2016. A french native designer settled in the UK, Camille Walala is one of the most interesting and colorful artists currently around. If you happen to be in the UK, it’s not so difficult to spot around one of her signature graphics. Through her Tribal POP – influenced by the Memphis Movement, the Ndebele tribe and Optical Art master Victor Vasarely among others – she has left the mark of numerous famous buildings, schools, and public spaces.

Graduate in Textile Design from the University of Brighton, her namesake brand was established in East London in 2009, where she continues to live.

Alongside private commissions, Walala can boast collaborations with Nintendo, XOYO, Koppaberg, Bompas&Parr, Darkroom, Barbican Festival and Land of King. She also collaborated with Gorman clothing for 80s feel capsule collection.

KATIE ROBERTS-WOOD

katie-roberts-wood-rca-ma-collection-synch-2014

Least but not last in this top 5 of up-and-coming fashion and product designers in 2016, there is medical student turned fashion designer Katie Roberts-Wood that made headlines in 2016 as a fashion talent to watch. She made headlines in 2016 as a fashion talent to watch.

Although British designer Roberts Wood had already been praised for her graduate collection at RCA (Royal College of Art) in 2014, it was a series of prizes (“Collection of the Year” and “Vogue Talents Award” at ITS -International Talent Award; and the Fashion Scout Merit Award) that led her way to the ones to watch.

So much so that the New York times featured her story in their fashion section. In her graduate collection, Woods used a layered technique developed by creating fabric and form through repetition of a wave rendered in both micro and macro scale, a nod to natural and mathematical influences. The wave being of opposing hues and bright tones created a colour effect with the movement of the wearer.

The same mathematical influences were spotted in the unstitched, plaited silk organza creations presented last September for her Spring/Summer Collection 2017.

______

Il 2016 è stato un anno incredibile per il mondo: un sacco di emozioni, cambiamenti drastici, e una fastidiosa sensazione che il futuro possa riservare ancora altre sorprese per gli anni a venire. Come al solito, artisti e designer sono tra i primi ad afferrare e interiorizzare umori e tendenze traducendoli in prodotti finiti attuali.

Qui di seguito, una selezione molto personale di stilisti e designer di prodotto che hanno caratterizzato questo 2016 con un sguardo e atteggiamento positivo verso futuro.

TAMARA ORJOLA

image: courtesy

Chi non ha mai pensato di riciclare aghi di pino e trasformarli in una sedia? Questo è stato il pensiero della neo laureata Tamara Oriola dopo che ha scoperto che ogni anno 600 milioni di alberi di pino vengono abbattuti. E questo dato, rappresenta solamente quello dell’Unione europea da sola. Tuttavia, se contiamo che gli aghi di pino rappresentano circa il 20 al 30 per cento della massa di ciascun albero, il numero di aghi inutilizzati raggiunge miliardi.

Con questa considerazione in mente, la designer ha deciso di studiare un uso alternativo di questo materiale in eccesso e trasformarlo in qualcos’altro. Dopo un po’ di sperimentazione con tecniche di produzione standard (ammollo, cottura a vapore, e premendo gli aghi), ha sviluppato “Forest Wool”: una stupefacente serie di sgabelli e tappeti fatti di aghi di pino.

Il pattern riprende delle linee che ricordano la forma degli aghi, e i mobili mostrano ciò che è possibile creare con Forest Wool e altri materiali di scarto della produzione industriale.

WOOJAI LEE

image:courtesy

Se il riciclaggio di aghi di pino si presenta come una novità (almeno fino ad ora), il riciclaggio della carta non è esattamente qualcosa di nuovo. Tuttavia, il coreano-zelandese WooJa Lee ha ha aggiunto una nuova dimensione al tutto. Ha creato, infatti, mattoni di carta.

I suoi “mattoni di carta” sono costituiti da giornali riciclata. Sono robusti e impilabile come quelli veri e visivamente ricordano degli oggetti di marmo, mentre al tatto riprendono la morbidezza percepita della carta o del legno.

Per dimostrare la forza di questi mattoni, Lee costruito una panchina, in grigio chiaro, e due tavolini in blu e grigio.

In un prossimo futuro, il progettista ha in programma di ampliare la gamma di PaperBricks in pannelli a parete, divisori, oggetti e più serie di mobili.

Sempre in tema di riciclaggio, ma questa volta applicato alla moda, c’è un marchio spagnolo che vale la pena di scoprire.

ECOALF

image: courtesy

È stato creato da Javier Goyeneche nel 2012 per innovare la creazione di abiti riciclati. Goyeneche, dopo essere frustrato per lo sfruttamento delle risorse naturali del pianeta e la quantità di rifiuti prodotti da parte dei paesi sviluppati, ha deciso di istituire questo marchio.

La sua missione, attraverso Ecoalf, è quella di creare prodotti riciclati che vantano la stessa qualità, design e proprietà tecnica dei brand non riciclati.

Ma c’è di più. Quello che è davvero degno di nota – oltre all’estetica lineare e senza fronzoli – è lo sforzo di squadra messo in piedi da ECOALF nel gestire l’intero processo dalla raccolta dei rifiuti: dalle tecnologie di riciclaggio alla produzione, progettazione e vendita al dettaglio.

Attualmente, il marchio collabora con 14 produttori specializzati di tutto il mondo che creano tessili da vecchie reti da pesca, bottiglie di plastica PET, pneumatici usati, caffè, cotone post-industriale e lana provenienti dagli oceani trasformandoli in filati e componenti di alta qualità per abbigliamento, accessori e calzature.

CAMILLE WALALA

image: courtesy

Passando dall’ etico all’ etnico con infusione di pop, c’è una designer che vale la pena menzionare in questo 2016. Designer francese ormai stabilita nel Regno Unito, Camilla Walala è una degli artisti più interessanti e colorate attualmente in circolazione. Se vi capita di essere nel Regno Unito, non è così difficile scorgere una delle sue creazioni coloratissime. Attraverso la sua POP Tribal – influenzata dal movimento di Memphis, la tribù Ndebele e il maestro dell’Optical Art Vasarely – Walala ha lasciato il suo distintivo segno grafico in numerosi edifici famosi, scuole e spazi pubblici.

Laureata in Design Tessile all’Università di Brighton, il suo marchio omonimo è stato stabilito a East London nel 2009, dove continua a vivere.

Accanto a commissioni private, Walala può vantare la collaborazione con Nintendo, XOYO, Koppaberg, Bompas & Parr, Camera oscura, Barbican Festival e Land of King. Walala ha pure prestato la sua arte alla moda con la collaborazione con il brand australiano Gorman.

KATIE ROBERTS-WOOD

image: courtesy

Per ultimo ma non per questo meno importante, in questa top 5 di up-and-coming designer di moda e di prodotto nel 2016, c’ è la studentessa di medicina reinvetata stilista Katie Roberts-Wood ha fatto notizia nel 2016 come una dei talenti emergenti della moda da tenere d’occhio.

Anche se la designer britannica Roberts Wood era già stata lodata per la sua collezione di laurea al RCA (Royal College of Art) nel 2014, è stato grazie a una serie di premi ( “Collection of the Year” e “Vogue Talents Award” a ITS -International Talent Award, e il Merit Award Scout di moda) che i riflettori del fashion system sono stati puntati su di lei.

Il New York Times le ha persino dedicato un’intervista approfondita raccontando la sua storia – da medico a fashion designer – all’interno dell’inserto moda del noto giornale.

Per la sua collezione di laurea all’RCA, Woods ha usato una tecnica a strati sviluppata creando tessuti e forme attraverso la ripetizione di un onda, declinata sia in scala micro che macro e che strizza l’occhio a forme della natura e matematiche.

Queste ‘onde’, create in diverse tonalità di colore e affiancate a colori vivaci, creano un effetto visivo colorato che varia con la variazioni dei movimenti di chi indossava uno delle sue creazioni.

Le stesse influenze matematiche sono state avvistate anche nelle creazioni senza cuciture di organza di seta intrecciata presentate lo scorso settembre per la sua Collezione Primavera / Estate 2017.