Edisonnoside is Davide Cairo, a thirty-year old curious and stubborn musician, who is not scared of getting his hands dirty – or muddy, as he says – to find and express himself  on very different levels.

After his amazing debut album Sadly By Your Side, he returns now with Mono No Aware, combining under the same name an album and a music app in Virtual Reality.

The starting point is always the electronic music, but this time Edisonnoside created a totally immersive experience, giving the chance to everyone “to get lost in an endless void, inhabited only by artificial noises, that guides the exploration of the space through the sounds of the album itself.”

Mono No Aware works with 3D sounds and requires the abandonment of the normal perception of space and time, in order to fully enjoy it. It’s a real “electronic escape”, a safe place where you can both forget everything and take shelter only temporarily. No need to say that jumping into this work is highly recommended, so let yourself go to the intentions of the artist. Providing this “virtual space” through the app, he also meant to share his own feeling of the surrounding reality, far away from the metaphysics, but closer to a real auditory tale.

First Sadly By Your Side, now Mono No Aware. The deep approach to your music has always been clear, almost like an expressive necessity?

Yes, I started to work like that with Sadly by your side. I always try to consider that the album and the experience must live separately but, while I’m working on an album, I start to think about how this approach can shape differently to share the experience.

So yes, as a result, at the end it becomes a necessity, a way to go beyond the sound.

When I write music I just can’t avoid to be influenced by what I see: video, photos, places, all blended together first into a specific sound, and to then become something else.

Electronic music is the easiest field to test new technologies and visual arts, perhaps because it seems to be freer. Do you agree?

Surely it’s the field of music that gives more possibilities to experiment in thousand different ways: it lets you create “mutant” music and as such, is free from structures. Making electronic music means everything and nothing at the same time, there are so many sub-genres that can be mixed, that the possibilities are really almost unlimited.

Mono No Aware was created as a multi-sensorial experience. Was it like composing a puzzle, or was the project already shaped, ideally, when you began to work on it?

No, the project absolutely wasn’t formed when I began to work on it, actually it has been a long project that has taken shape itself.

Mono No Aware started as a necessity to collect, in the only way I know, the experiences and the moments that I was living or, in a more appropriate way, that I observed. Later it started to take form and to make sense. Only toward the end of the work I realized that the tracks that I wrote were telling a very specific tale, they were in a definite space and time, and from there I started to mentally elaborate them into the concept of Mono No Aware and to develop the idea to let people live again the observation experience and sound exploration.

 music_edisonnoside_mono no aware

I really liked the concept of “safe place” as a destination for the listeners who wander through your virtual space. An escape route/way off to escape/get away from a world all too chaotic and full of incentives. Can you seek refuge in virtual reality?

My idea of safe place is related to the moment you find the escape/exit from the confusion through the music; the only think that surrounds you is the sound, both for the app user and for me when I created it.

In virtual reality you can take refuge, my fear is losing yourself easily. There are very interesting aspects of the effect of the virtual worlds on our perception of reality.

Think for example about the social media, somehow also they’re a kind of virtual reality too, a reality you can create based on what you believe or (what) you think to believe and it adjusts to you, showing only what you like and what makes you feel good, somehow a safe place even if it’s not sure that you are really safe.

You seem to have the tendency to work a lot alone and to surround yourself with few trusted collaborators. How much does it mean to be independent and how much is a contribution from the outside necessary?

Being independent is an essential thing during the creative process for me, I need to isolate myself in order to work as I want, I need the time and the space to experiment/test and to make “mistakes” without having the pressure to answer/be accountable to anybody. At one point, however, you need also to let others join you. I have the tendency to work with people I know and trust very much, the same people who show enthusiasm and passion from day one. I’m very lucky to have a group of very talented friends (the people I work with are first friends and then collaborators to me), starting from my sister who created the album cover, Stefano Ottaviano who followed the developement and the art direction of the app with me and Matilde Davoli who mastered and  mixed the album.

All these people know how valuable is an album for me and their reliability and skills were a huge help to make this project possible.

So, to answer your question in a more reasonable way: it’s important to be independent to take the mud off once you’re in there (and it is very easy to get muddy) but at the same time a group of trusted people to work with is more than necessary because the best ideas always come from different points of view.

What impact had your experience at Fabrica on your jobs?

My experience at Fabrica was fundamental under many aspects of my job. Without those 3 years I would be less skilled musician, I would have a smaller group of talented people and especially I wouldn’t know all those multidisciplined work methods.

I learnt to develop my projects from the kick-off to the promotion, watching the things from all the angles, and above all I learnt to think outside the lines, so to say. The creative process mainly happens in your head, it doesn’t matter how much money or how much technical experience you have, there’s always time to study and anyway you always find a solution, the main point is that idea is solid and that all ties together in a natural way. As soon as I need to push to close the circle, I already know that project will never work as I meant. Clearly you can be as much careful and perfectionist as you want, but you’ll always make mistakes. To quote Beckett: Try again. Fail again. Fail better.

On the other hand, for this specific project, it was more useful for me to separate from Fabrica, to leave that wonderful utopia, and to challenge myself with a  more difficult and complex reality, which however made me find the desire to make new things again and especially the humility to step out my comfort zone.

music_edisonnoside_mono no aware_3d_ music_edisonnoside_mono no aware_3d_

How do you keep up with the news about new technologies and how do you experiment?

Generally I read a lot, I have my list of Blog and Magazines that I consult weekly. If something catches my attention, I spend more time trying to understand how it works.

I experiment when I’m looking for new ideas or when I’m saturated of old ones, but we can say that I always start from a concept, never from technology itself.

Concerning Mono No Aware I’ve never thought about making a VR app because I was fond of the technology, I actually was quite reluctant at first because I was afraid it would have been labeled as a trendy project, even if 2 years ago VR was barely known. Once I figured out the concept I wanted to explore, and after finishing the first layout of the album, I wondered how to make it usable, and the virtual reality seemed the most fitting technology for that project to me.

Did you decide to move to London to have a more fertile ground to experiment?

I moved to London for working and personal reasons: particularly I felt the need of new incentives that I couldn’t find in Italy, I needed some hard work to get the best of me and have something to tell.

Who or which is your main source of inspiration?

The other people’s lives are the most inspiring thing for me, both of people that I know or people I heard about or I read about.

I take a lot from the stories that I hear and I try to observe who’s around me as much as I can. All in all, making music is like telling stories, through words for some, while for others, like me, through sounds and feelings. We always talk about stories, that I live as a soundtrack of a film that doesn’t exist, if not in my head.

What is the album that blew your mind at first listen and you listen from time to time?

It’s difficult to pick one, there are so many that we could fill pages and pages, each one from a different period of my life. I can tell you that currently I have dusted off Nick Cave from my teenage years and I listen once a day to “No More Shall We Part”, a masterpiece in its entirety.

_MNA_App_Void_Portal

LAUNDRY ROOM

When did you stop using the walkman?

I think it was around 2001/2002. 

The last album you bought.

Tim Hecker, The Ravedeath, 1972.

The best concert you attended so far.

I think David Gilmour in St. Mark’s Square in Venice, even if Sonic Youth’s Daydream Nation anniversary in Milan is a good pick too.

Your favorite hobby.

Playing with Age of Empires II.

One vice of yours that bother people.

Sometimes I want to have the final word on too many things.

The last thing that really surprised you.

My dad: he reinvented himself at 55 years old.

A synonymous of Edisonnoside.

Heterogeneous.

A place where to breathe.

Hampstead Heath.

A place where you’d escape to.

Venice.

The choice you instantly regretted but that you’d do again.

Moving to London?

Edisonnoside è Davide Cairo, un musicista trentenne curioso, caparbio, che non ha paura di sporcarsi le mani – o infangarsele, come dice lui – per ritrovarsi e di conseguenza esprimersi in vesti sempre nuove.

Dopo il debutto sorprendente con Sadly By Your Side, torna con Mono No Aware, unendo sotto lo stesso nome un disco e una music app in Virtual Reality.
La base di partenza è sempre la musica elettronica, ma stavolta Edisonnoside ha voluto rendere l’esperienza totalmente immersiva, dando la possibilità di “perdersi in un vuoto infinito, popolato solamente di artefatti sonici, che guidano l’esplorazione dello spazio attraverso i suoni del disco stesso, oppure di trovare una via d’uscita grazie ad essi”.

Mono No Aware lavora su suoni 3D ed obbliga all’abbandono della normale percezione dello spazio e del tempo, per goderselo a pieno. È una vera e propria evasione elettronica, quel “luogo sicuro” dove ci si può dimenticare tutto e rifugiarsi anche solo temporaneamente. Inutile dire che vi consigliamo di saltarci dentro a piè pari, affidandovi senza remore alle intenzioni dell’artista, che mettendo a disposizione questo “spazio virtuale” attraverso l’app, ha voluto condividere anche una propria impressione della realtà circostante, ben distante dalla metafisica, ma più vicina ad un vero e proprio racconto sonoro. 

Prima “Sadly By Your Side”, poi “Mono No Aware”. L’approccio immersivo alla tua musica è sempre stato chiaro, quasi come un’esigenza espressiva?

Sì, è un percorso che ho iniziato con “Sadly by your side” e da cui non sono più riuscito a separarmi, cerco sempre di pensare che il disco e l’esperienza devono vivere anche separatamente ma mentre lavoro al disco cominciano a formarsi idee di come questo possa assumere altre forme che aiutino a veicolare l’esperienza.

Quindi sì, alla fine diventa un’esigenza, un modo per non fermarmi soltanto al suono.

D’altronde quando scrivo musica, oltre alle sensazioni che voglio trasmettere, non riesco a non farmi influenzare da quello che vedo: video, fotografie, luoghi, tutto si fonde prima in suono per poi diventare qualcos’altro.

La musica elettronica è la più utilizzata quando si vuole sperimentare con nuove tecnologie e arti visive, forse perchè si ha la percezione che sia più “libera”. Sei d’accordo?

Sicuramente è il “genere musicale” che dà più possibilità di sperimentare e di riadattarsi in mille forme diverse: associandolo a medium diversi ti dà la possibilità di creare musiche che sono mutanti e in quanto tali sono libere da strutture, anche perché fare musica elettronica significa tutto e niente, ci sono talmente tanti sotto generi che si possono mischiare, che veramente le possibilità sono quasi illimitate.

“Mono No Aware” è stato realizzato per essere un’esperienza multi-sensoriale. È stato come comporre un puzzle, o il progetto era già idealmente formato quando hai iniziato a lavorarci?

No, il progetto non era assolutamente formato quando ho iniziato a lavorarci, anzi è stato un lungo lavoro che ha preso forma da solo.

Mono No Aware è iniziato come una necessità di raccogliere, nell’unico modo che conosco, le esperienze e i momenti che stavo vivendo o, in maniera più appropriata, che osservavo. Successivamente ha cominciato a prendere forma e ad avere senso. Solo verso la fine del lavoro mi sono reso contro che le tracce che avevo scritto raccontavano una storia ben precisa, esistevano in uno spazio e tempo definito, e da lì ho iniziato a rielaborarle con in testa il concetto di Mono No Aware e l’idea di poter far rivivere in una qualche forma l’esperienza di osservare ed esplorare attraverso il suono.

Mi è molto piaciuto il concetto di “luogo sicuro” come destinazione dello spettatore che si aggira nel tuo spazio virtuale. Una via di fuga per scappare da un mondo fin troppo caotico e pieno di stimoli. Nella realtà virtuale ci si può rifugiare?

La mia idea di luogo sicuro è legata al momento in cui hai trovato la via d’uscita dalla confusione attraverso la musica, per lo spettatore nella App come per me nel fare il disco, l’unica cosa che ti circonda è il suono.

Nella realtà virtuale ci si può rifugiare, la mia paura è che possa diventare anche molto facile perdersi, ha effetti molto interessanti sulla percezione della realtà quotidiana.

Pensa molto semplicemente ai social media, in qualche modo sono una realtà virtuale anche loro, una realtà che ti crei tu in base a quello che credi o che pensi di credere e a sua volta questa realtà si adatta a te mostrandoti solo quello che ti piace e che ti fa sentire a tuo agio, quindi in qualche modo un luogo sicuro anche se non è detto che tu sia al sicuro.

Vedo che tendi a lavorare molto da solo e ti circondi di pochi fidati collaboratori. Quanto conta essere autonomi e quanto è invece necessario un contributo esterno?

Per me essere autonomi è una cosa fondamentale del processo creativo, ho bisogno di isolarmi per lavorare come voglio, mi serve il tempo e lo spazio di sperimentare e commettere “errori” senza avere la pressione di render conto a nessuno. Ad un certo punto però serve aprire il lavoro anche ad altri, tendo a lavorare con persone che conosco e di cui mi fido molto, persone che so che se accettano di lavorare con me lo fanno con grande entusiasmo e passione. Ho la fortuna di avere un gruppo di amici (per me le persone con cui lavoro sono prima amici e poi collaboratori) molto talentuosi, a partire da mia sorella che ha curato la cover art del disco, Stefano Ottaviano che assieme a me ha seguito lo sviluppo e l’art direction dell’app e Matilde Davoli che ha mixato e martirizzato il disco.

Tutte queste persone sanno quanto valga un disco per me e la loro professionalità è stata di grandissimo aiuto nel rendere possibile tutto il progetto.

Quindi per risponderti alla domanda in modo più sensato: è importante essere autonomi per riuscire a togliersi dal fango da soli quando ci entri (ed è molto facile infangarsi) ma allo stesso tempo un gruppo di persone fidate con cui lavorare è più che necessario perché le migliori idee nascono da punti di vista diversi.

La tua esperienza a Fabrica quanto ha inciso sui tuoi lavori?

La mia esperienza a Fabrica è stata fondamentale in moltissimi aspetti del mio lavoro, senza quei 3 anni sarei un musicista molto meno capace, avrei un gruppo di persone talentuose molto più ristretto e soprattutto non sarei entrato in contatto con metodi di lavoro che toccano così tante discipline.

Ho imparato a sviluppare i miei progetti dall’ideazione alla promozione, guardando le cose da molte angolazioni, e soprattutto ho imparato a ragionare fuori dalle righe, se così si può dire. Il processo creativo avviene principalmente nella tua testa, non importa quanti soldi hai o quanta esperienza tecnica hai, c’è sempre tempo per studiare e in ogni caso una soluzione la trovi sempre, l’importante è che l’idea sia solida e che tutto si colleghi in modo naturale. Non appena c’è una forzatura nel chiudere il cerchio so già che quel progetto non funzionerà mai come voglio che funzioni. Chiaramente puoi essere cauto e perfezionista quanto vuoi ma errori se ne fanno sempre, altra cosa che ho imparato, per citare Beckett, è Try again. Fail again. Fail better.

Dall’altro lato, per questo specifico progetto, è stato più utile ancora separarmi da Fabrica, andare via da quell’utopia meravigliosa che quel luogo è, e confrontarmi con una realtà più difficile e complessa che però mi ha fatto ritrovare la voglia di fare cose nuove e soprattutto l’umiltà di uscire dalla mia “comfort zone”.

Come ti tieni informato sulle nuove tecnologie e come sperimenti?

In generale leggo molto, ho tutta la mia lista di Blog e Riviste on line che settimanalmente consulto, se trovo qualcosa che attira la mia attenzione magari ci perdo un po’ di tempo per capire come funziona.

Sperimento quando sono in cerca di idee nuove o quando sono saturo di quelle vecchie, però diciamo che parto sempre da un concetto, mai dalla tecnologia in sé.

Nel caso di Mono No Aware non ho mai pensato di fare un app in VR perché mi aveva entusiasmato la tecnologia, anzi all’inizio ero un po’ restio perché avevo paura fosse etichettato come un progetto alla moda, anche se 2 anni fa la VR la conoscevano in pochissimi. Una volta capito il concetto che volevo esplorare, e dopo aver finito la prima stesura del disco, mi sono chiesto come potevo renderlo fruibile, e la realtà virtuale mi è sembrata la tecnologia che mi dava questa possibilità.

La decisione di trasferirti a Londra arriva anche dalla voglia di continuare a sperimentare in un terreno più fertile?

Mi sono trasferito a Londra per ragioni lavorative e personali: soprattutto sentivo il bisogno di nuovi stimoli che non riuscivo a trovare in Italia, sentivo il bisogno di far fatica per tirar fuori il meglio e avere qualcosa da raccontare.

Chi o qual è la tua maggiore fonte di ispirazione?

Credo che la cosa che mi ispira di più siano le vite degli altri, sia di persone che conosco che di persone di cui ho sentito parlare o che ho letto.

Prendo tantissimo dalle storie che sento, e cerco di osservare il più possibile chi mi sta attorno. Alla fine fare musica è raccontare storie, per alcuni attraverso parole mentre per altri, come me, attraverso suoni e sensazioni. Parliamo sempre di storie, che vivo attraverso una colonna sonora di un film che non esiste, se non nella mia testa.

Qual è il disco che ti ha lasciato a bocca aperta al primo ascolto e che ascolti ciclicamente?

Il disco è difficile da dire, ce ne sono stati così tanti che potremmo riempire fogli su fogli ognuno per un periodo diverso della mia vita. Ti posso dire che attualmente ho rispolverato dalla mia adolescenza Nick Cave e non riesco a fare a meno di ascoltare almeno una volta al giorno “No More Shall We Part”, che per me resta un capolavoro indiscusso in quasi ogni sua parte.

_MNA_App_MoonskinWorldl

LAUNDRY ROOM

L’anno in cui hai smesso di usare il walkman.

2001/2002 credo.

L’ultimo disco acquistato.

Tim Hecker – The Ravedeath 1972

Il migliore concerto visto finora.

Credo David Gilmour in piazza San Marco a Venezia, anche se se la gioca con i Sonic Youth per l’anniversario di Daydream Nation a Milano.

Il tuo passatempo preferito.

Giocare ad Age of Empires II

Un tuo vizio che dà fastidio agli altri.

Ogni tanto tendo a voler avere l’ultima parola su troppe cose.

L’ultima cosa che ti ha veramento stupito.

Mio padre: reinventarsi a 55 anni.

Un sinonimo di Edisonnoside.

Eterogeneo.

Un luogo dove respirare.

Hampstead Heath.

Un luogo dove scappare.

Venezia.

La scelta di cui ti sei subito pentito ma che rifaresti.

Trasferirmi a Londra?