Yaroslav Misonzhnikov is one of the most promising young designer: he’s Russian, from Saint Petersburg, with open eyes to see the World. We have talked about his creations during our design tour around Saint Petersburg; this time he dedicates us a bit of time during the Salone del Mobile in Milan for a short talk about design and his personal approach on this field.

Yaroslav_Misonzhnikov

YOU’RE ONLY 29, BUT YOU’VE ALREADY EXHIBITED YOUR WORKS IN SEVERAL INTERNATIONAL FAIRS: HOW DO YOUR PRODUCTS COME ABOUT? WHERE DOES YOUR INSPIRATION COME FROM?

I am still 28 actually! I really love to observe people and how they get involved in the creative process even though they do not notice it. As the famous Italian designer Vico Magistretti once said

“Design is also look everyday object with a curious eye.”

For instance, once I found a chair just outside of my flat, on which the previous owner put a leather insert to fasten it because it was broken. It was so beautiful and harmonic! It would be not surprising if a designer would use that system for his or her furniture collection! You can never know what there is behind this or that object and what inspire the author. Exactly to catch the creative process I have an Instagram account. [photo @misonzhnikov account]

Yaroslav_Misonzhnikov_chearI also really like the Russian Ethnographic Museum of Saint Petersburg, sometimes I  do some sketch there. For modern design, it is a treasure trove, with its huge collection of manufacts made with different materials and techniques!

For me, Russian culture is very interesting, except such stuff as matrioskas, that they’ve been actually imported during XIX century from Japan to Russia.

“I am more interested in ethnographic aspect: it is very important to create modern object inspired to history and traditions.”

I also like creations by other designers, of course, but it would be really difficult to choose only one of them! For a lot of time I was in love with the work of Jaime Hayon, a Spanish designer: I especially liked his project drafts and his approach to the work. Now I am really interested in Dutch design. It is a unique phenomenon. A lot of people think that the cradle of design is still Italy, but The Netherlands gained a lot of attention in last decades. Thanks to the Eindhoven Design Academy, a modern design culture has developed around, and the little town has become the “City” -with capital letter- of design.

Yaroslav_Misonzhnikov_Katerina

yaroslav_misonzhnikov_design_katerina_ yaroslav_misonzhnikov_design_katerina_mirror

Yaroslav_Misonzhnikov-Katerina_project

yaroslav_misonzhnikov_design_katerina_vanity set

[KATERINA, a vanity set, photo © Mitya Ganopolsky &Vasily Bulanov]

AMONG YOUR WORKS THERE ARE ALSO SEVERAL PROJECTS IN COLLABORATION WITH OTHER DESIGNERS: WHAT DO YOU APPRECIATE MORE IN THE EXCHANGE WITH OTHER DESIGNERS?

IZBA and Naturalist are two projects where I collaborate with Tatiana Kudryavtseva as curator. In Naturalist Project the designers involved together with me were Lesha Galkin, Sveta Gerassimova, Ania Druzhinina (Fёdor Toy), Alexander Kanygin, Tanya Klimenko, Katerina Kopytina, Anastasiya Koshcheeva, Luch Design (Nikita Cherevkov & Elvira Lomovskaya), Olesya Ananyeva, Ekaterina Semenova, Maxim Scherbakov, Katia Tolstykh, Ekaterina Vagurina.

We chose a topic that could be interesting for everyone, and based on that we created the objects of this exhibition. This is exactly the uniqueness of the project: every product was created by a different designer, so there were only individual projects, and this was the first exhibition of Russian designers with this structure. Obviously, we asked each other for advice, we developed an active teamwork, sharing sketches, exchanging ideas and experiences, and defining the purpose of the project in general, and that was the part I liked more.Yaroslav_Misonzhnikov_izba_projectYaroslav_Misonzhnikov_Izba

[Exhibition”Naturalist” at Greenhouse, Stockholm Fair 2016]

 

AMONG YOUR WORKS THERE ARE ALSO SEVERAL ILLUSTRATIONS. DO YOU THINK THAT YOU CAN EXPRESS YOURSELF BETTER IN GRAPHIC OR IN PRODUCTS? WHY?

At the moment I almost do not work on illustration anymore. I do it only when I am doing sketches of my products. Several designers stopped to draw with paper and pencil, they work only with 3D programs on computer, but I prefer to continue to use the “old school” method. Drawing with a pencil or with a marker gives you plenty of freedom and it could happen that a random line becomes the one on which is based all the project. I think that drawing on the computer kinda deprives this possibility. For this reason, for me the creative process is made by this precise sequence of steps:
– sketch;
– detailed draw;
– draw on the computer;
– creation of a prototype;
– creation of a project on the computer;
– creation of a 3D model (if necessary).

Yaroslav_Misonzhnikov-graphic

YOU ARE ALSO ONE OF THE MAIN EDITOR OF THE BLOG TUTDESIGN.RU: WHAT MADE YOU JOIN THE PROJECT? WHAT IS, ACCORDING TO YOU, THE ROLE OF WRITING IN THE DESIGN WORLD?

I am part of the editorial team of Tutdesign.ru since the very beginning, it’s a project by one of my best friends. When I had more free time, I could write three or four articles per week, but now I rarely do it. At the beginning the project was a way to get the foreign design known by Russian public, but now Tutdesign is more oriented on talking about Russian, CIS countries and Baltic Republics design. Writing articles about design helped me to understand what was trendy in the rest of the world, and also “to train myself”. Thanks to this website, I did a lot of exercise that was helpful when I had to write texts and concepts about my projects.

LAST SUMMER WE TALKED ABOUT SAINT PETERSBURG AND WE ALSO VISITED YOUR CONCEPT STORE IMMENO-LAVKA: HOW WAS THIS PROJECT BORN AND WHICH RESULTS DO YOU WANT TO ACHIEVE?

The concept store Immeno-Lavka in the Taiga space exists since long. At the beginning we did not plan to open “a concept store”, we just really liked that empty space underneath our studio, but we couldn’t “close” that area, so we decided to turn it into a shop and a part into a studio. At that time I was already working on products, so the direction to take was immediately clear: at Immeno-Lavka you can find home-decor objects, jewels, books and magazines from over 70 different Russian authors! Many products are sold exclusively by us in Saint Petersburg.

“The project has an education purpose, it wants to make Russian design more accessible and recognizable.”

concept store saint petersburgconcept store_saint petersburg

YOU STARTED TO STUDY IN RUSSIA, BUT YOU ALSO TOOK PART IN SEVERAL WORKSHOPS AROUND THE WORLD. WHAT CAN WE FIND IN YOUR WAY OF WORKING FROM YOUR COUNTRY AND WHAT DID YOU LEARN ABROAD?

I graduated in Russia, while I did some workshops in different design firms: they are different ways to learn and so for me it is difficult to compare them. Russian education has pros & cons, so, according to my opinion, it’s a good thing having the chance to work and study both in Russia and abroad.

After university, I understood that my academic studies were not enough, but at the same time I was not yet ready to leave my country permanently, so I took part in a trainee program in one of the most famous design firm in Holland, the one of Kiki Van Eijk and Joost Van Bleiswijk. There I had the chance to work on the creation of objects that are sold by the most famous brand of the world, Moooi for instance. The next year I was at LAGO, the Italian company, for a one-month trainee program, where I developed a new collection of furniture with other young designers from seven different countries.

“In this way I learned to communicate with the client.”

LET’S TALK ABOUT SALONE DEL MOBILE IN MILAN: YOU TOOK PART INTO SALONE SATELLITE, AREN’T YOU? 

This year I introduced my table Zevaka in Milan during the Design Week. I already brought it to Salone Satellite in 2013, and in that case it was chosen among other 20.000 products for the anniversary exhibition “Salone Satellite – 20 years of new creativity” by the curator Beppe Finessi. I was among design legends, such as Marc Newson, Nendo and many others.

The multi functional table Zavaka has been developed for modern schools, giving special importance to comfort and health. The table has been made with a comfortable latex space to sleep, a ceramic part for chewing gum, a sup holder, a cable box and a rucksack holder.

Yaroslav_Misonzhnikov_Zevka_table

zevaka_desk_yaroslav_misonzhnikov-

zevaka_desk_yaroslav_misonzhnikov-designzevaka_desk_yaroslav_misonzhnikov-

[ZEVAKA desk]

THE LAUNDRY ROOM

 

Where would you like to move?

Somewhere sunnier than Saint Petersburg.

If you weren’t a designer, by now you’d be…

A chess player.

Your favorite museum.

The Hermitage.

What do you do when you’re not working?

I learn about the world.

Three words to describe your character.

Positive, diplomatic, stubborn.

You cannot say no to… ?

Chocholate!

To follow Yaroslav Misonzhnikov‘s projects and keep you updated on his works, have a look to his Instagram profile.

UGOL_Minimalist Lamp_Yaroslav Misonzhnikov_ UGOL_Minimalist Lamp_Yaroslav Misonzhnikov_[UGOL, a desk lamp, photo © Ksenya Malgina]UGOL_Minimalist Lamp_Yaroslav Misonzhnikov_

 

Italian version

Yaroslav Misonzhnikov è uno dei più promettenti designer emergenti: russo di San Pietroburgo, con un occhio che guarda verso il resto del mondo. Avevamo già parlato delle sue creazioni nel nostro design tour in giro per le vie della sua città; ma questa volta ci ha dedicato un po’ di tempo al termine del Salone del Mobile milanese per una breve chiacchierata sul design e sul suo personale approccio a questo ambito.

HAI SOLO 29 ANNI EPPURE HAI GIÀ ESPOSTO ALCUNE DELLE TUE CREAZIONI IN DIVERSE FIERE INTERNAZIONALI: COME NASCONO I TUOI PROGETTI? DA COSI PRENDI MAGGIORMENTE ISPIRAZIONE?

Ne ho ancora 28! Mi piace molto osservare come le persone rimangono coinvolte nel processo creativo anche se non se ne accorgono; come diceva il famoso designer italiano Vico Magistretti

“Design è anche guardare gli oggetti di tutti i giorni con un occhio curioso.”

Ad esempio mi è capitato di trovare una sedia fuori dal mio appartamento sulla quale il precedente proprietario aveva messo un inserto in pelle per fissarla meglio perché evidentemente si era allentata. Era così bello e armonico! Non mi sorprenderebbe se qualche designer utilizzasse questo metodo per la sua collezione di mobili! Non si sa mai cosa c’è dietro questo o quell’oggetto e cosa ha spinto l’autore a crearlo. Proprio per catturare il processo creativo ho creato un account Instagram.

Mi piace molto il Museo Etnografico Russo di San Pietroburgo. Mi capita spesso di fare degli schizzi proprio lì. Per il design moderno è semplicemente una miniera di tesori, con la sua immensa collezione di manufatti realizzati con tecniche e materiali diversi. Per me la cultura russa è molto interessante, ma non cose banali come le matrioske che, a dir la verità, furono importate in Russia nel XIX secolo dal Giappone.

“Piuttosto sono interessato all’aspetto etnografico. É importante creare oggetti moderni che si ispirino alla storia e alle tradizioni.”

Ovviamente mi piacciono molto anche le creazioni degli altri designer ma veramente sarebbe difficile sceglierne solo uno! Per tanto tempo ho apprezzato molto le creazioni del designer spagnolo Jaime Hayon, soprattutto le sue bozze di progetto e il suo approccio al lavoro. Oggi sono molto informato sul design olandese. Si tratta di un fenomeno unico al mondo. Molti pensano che la culla del design sia ancora in Italia, ma in realtà tutti danno molta attenzione anche all’Olanda. Grazie all’Accademia del Design di Eindoven si è creata una moderna cultura del design e la piccola cittadina è diventata la capitale mondiale del design. Molti dicono che gli olandesi lavorano seguendo l’ispirazione del momento ed unendo design ed arte, creando oggetti unici o in serie limitata. Proprio per questo è così interessante, e speriamo continui ad essere così!

design_candle_yaroslav_misonzhnikov_ design_candle_yaroslav_misonzhnikov

[Odnosvechnik candle holder]

TRA I TUOI LAVORI CI SONO ANCHE DIVERSI PROGETTI IN COLLABORAZIONE CON ALTRI DESIGNER: COSA APPREZZI MAGGIORMENTE NELLO SCAMBIO CON ALTRI DESIGNER?

IZBA e Naturalis sono due progetti nei quali ho collaborato con Tatiana Kudryavtseva in veste di curatore. Nel Naturalist Project i designer coinvolti insieme a me sono stati Lesha Galkin, Sveta Gerassimova, Ania Druzhinina (Fёdor Toy), Alexander Kanygin, Tanya Klimenko, Katerina Kopytina, Anastasiya Koshcheeva, Luch Design (Nikita Cherevkov & Elvira Lomovskaya), Olesya Ananyeva, Ekaterina Semenova, Maxim Scherbakov, Katia Tolstykh, Ekaterina Vagurina. 

Insieme abbiamo definito un tema, che fosse interessante per tutti e, basandoci su quello, abbiamo creato degli oggetti per questa mostra. Proprio in questo sta l’unicità del progetto: ogni prodotto era stato creato da un designer diverso, quindi c’erano solo progetti individuali, si è trattato della prima mostra di designer russi con questa struttura. Ovviamente, ad ogni incontro ci confrontavamo sul lavoro che stavamo facendo, condividendo schizzi, consigliandoci a vicenda e definendo l’indirizzo del progetto in generale e questa è stata la parte che ho più apprezzato!

RUSSIAN-DESIGN-EXHIBITION-naturalist- RUSSIAN-DESIGN-EXHIBITION-naturalist-

[Exhibition”Naturalist” at Greenhouse, Stockholm Fair 2016]

 

TRA LA TUE OPERE CI SONO ANCHE DELLE ILLUSTRAZIONI GRAFICHE. RITIENI DI RIUSCIRE AD ESPRIMERTI MEGLIO TRAMITE LA GRAFICA O TRAMITE IL PRODOTTO? PERCHÉ?

Al momento praticamente non mi occupo più di illustrazioni grafiche. Faccio dei lavori di grafica solo ogni tanto quando disegno degli schizzi dei miei prodotti. Molti designer hanno smesso di disegnare a mano, lavorano soltanto al computer con i programmi di disegno 3D, ma io preferisco continuare con il metodo “vecchia scuola”. Disegnare con una matita o con un pennarello dà piena libertà e può capitare che una linea casuale diventi quella su cui si basa un intero progetto. La progettazione a computer purtroppo toglie questa possibilità. Per questo il processo creativo, secondo me, si compone di questa precisa sequenza di step:
– schizzo;
– disegno dettagliato;
– creazione di un disegno a computer;
– creazione di un prototipo (preferibilmente a grandezza naturale);
– creazione di un disegno esecutivo a computer;
– creazione di un modello 3D (se necessario).

 

TRA LE ALTRE COSE, SEI ANCHE UNO DEGLI EDITOR PRINCIPALI DEL BLOG TUTDESIGN.RU. COSA TI HA SPINTO AD ENTRARE A FAR PARTE DEL PROGETTO? QUAL È SECONDO TE IL RUOLO DELLA SCRITTURA RISPETTO AL MONDO DEL DESIGN? CREDI CHE ABBIA SEMPLICEMENTE UN RUOLO DESCRITTIVO E DIVULGATIVO OPPURE POTREBBE ANCHE ESSERE FONTE DI ISPIRAZIONE?

Sono tra i redattori del sito Tutdesign.ru praticamente da quando è stato fondato. É un progetto dei miei migliori amici. In passato, quando avevo molto più tempo libero, scrivevo tre o quattro articoli alla settimana, ma ora riesco a farlo molto raramente. Se all’inizio il progetto era un modo per far conoscere il design straniero di qualità al pubblico russo, ora Tutdesign è più orientato a raccontare il design russo, dei paesi della CSI e delle Repubbliche Baltiche. Per me è stato molto importante scrivere degli articoli sul design perché mi ha aiutato a scoprire cosa era di tendenza nel mondo, ed è stato anche un esercizio, mi è tornato utile in seguito per scrivere i testi e i concept dei miei progetti.

L’ESTATE SCORSA ABBIAMO PARLATO DI SAN PIETROBURGO E SIAMO STATI ANCHE NEL TUO CONCEPT STORE IMMENO-LAVKA: COME È NATO QUESTO PROGETTO E CHE RISULTATI VOLETE RAGGIUNGERE?

Il concept store Immeno-Lavka nello spazio Taiga esiste da un bel po’ di anni. All’inizio non avevamo pianificato di aprirlo, ci piaceva molto quello spazio sotto al nostro studio, ma non si poteva farlo come un’area “chiusa” così abbiamo deciso di creare una parte dedicata al negozio e una alla zona ufficio. Io lavoravo già da tempo alla creazione di oggetti di design e così in un attimo il tema del negozio è stato deciso! Da Immeno-Lavka si possono trovare accessori per la casa, oggettistica, gioielli, libri e giornali di più di 70 autori russi diversi. Molti prodotti sono in esposizione solo da noi a San Pietroburgo.

“Il progetto ha uno scopo istruttivo, vuole rendere il design russo accessibile e riconoscibile.”

imenno-design - Saint Petersburg 1[photo © Alice Amati]

HAI INIZIATO I TUOI STUDI IN RUSSIA, MA HAI ANCHE SEGUITO CORSI E WORKSHOP IN GIRO PER IL MONDO. COSA C’È DEL TUO PAESE NEL TUO MODO DI LAVORARE E COSA INVECE HAI ACQUISITO ALL’ESTERO?

In Russia ho concluso gli studi accademici, invece all’estero ho fatto alcuni stage in diversi studi. Sono modi diversi i modi di apprendere e quindi è difficile per me confrontarli. Nell’istruzione russa ci sono i suoi lati positivi e negativi, per questo, secondo me, è meglio studiare e lavorare sia in Russia che all’estero.

Dopo la fine dell’università, ho capito che la formazione accademica non era sufficiente, ma allo stesso tempo non ero pronto ad andarmene dal mio paese in maniera definitiva, così ho iniziato uno stage in uno dei più famosi studi di design in Olanda, quello di Kiki Van Eijk e Joost Van Bleiswijk. Lì ho avuto la possibilità di lavorare alla creazione di oggetti che poi vengono venduti da brand famosi in tutto il mondo, come ad esempio Moooi. Questa è stata un’esperienza molto importante non solo per aver creato nuovi oggetti, ma perché ho capito come funziona il lavoro all’interno di uno studio. Dopo un anno ho fatto un altro stage di un mese nell’azienda italiana LAGO, dove con altri giovani designer provenienti da sette diversi paesi, abbiamo pensato ad una nuova collezione di mobili per l’azienda.

“In questo modo ho potuto imparare come comunicare con i clienti.”

PARLIAMO DEL SALONE DEL MOBILE DI MILANO: HAI PARTECIPATO AL SALONE SATELLITE, GIUSTO? 

A Milano ho presentato il tavolo Zevaka. L’avevo già portato al Salone Satellite nel 2013, in quel caso era stato scelto tra altri 20.000 prodotti dal curatore Beppe Finessi per la mostra sull’anniversario della manifestazione “Salone Satellite – 20 years of new creativity”. Gli altri partecipanti erano mostri sacri del design come Marc Newson, Nendo e molti altri.

Il tavolo multifunzionale Zevaka è stato pensato per le scuole moderne, dove il comfort e la salute sono le priorità fondamentali. Il tavolo è stato costruito in modo che ci sia uno spazio comodo in latex per dormire, una parte in ceramica per le gomme da masticare, un supporto per le tazze, un contenitore per i cavi e anche un gancio per lo zaino.

zevaka_desk_yaroslav_misonzhnikov- zevaka_desk_yaroslav_misonzhnikov-

[ZEVAKA desk]

THE LAUNDRY ROOM

Dove ti piacerebbe trasferirti?

In un posto dove ci sia più sole che a San Pietroburgo

Se non fossi un designer, saresti…

Un giocatore di scacchi.

Qual è il tuo museo preferito?

L’Ermitage.

Cosa fai quando non lavori?

Mi documento sul mondo.

A cosa non rinunceresti mai?

Al cioccolato.

Descrivi il tuo carattere in tre parole.

Positivo, diplomatico, testardo.

Per tenervi aggiornati su Yaroslav Misonzhnikov, i suoi nuovi lavori e gli ultimi progetti, seguite il suo account Instagram.