Design Shanghai is the most awaited event among creatives in the Asian capital of design. From 8th to 11th March at Shanghai Exhibition Center the most important Chinese and international brands have met surrounded by installations, collateral events and exhibitions.  

Why Design Shanghai

Design Shanghai ended few days ago and this year was more successful than ever. Shanghai is experiencing a deep creative and cultural Renaissance becoming the Asian capital of fashion, creativity and design. Far from a polluted and corrupted Beijing, Shanghai is the perfect city to live together with the Bund, skyscrapers, artistic districts, and fancy clubs.

Design Shanghai

Design Shanghai Flyer

Design Shanghai is the direct consequence of the fresh explosion of Chinese creative industry, a new growing and promising sector. After the great success of the 2016 edition, this year Design Shanghai came back with a new complex theme: the relation among global design, craft and manufacture. Which is China’s role in contemporary global design?

Design Shanghai

Shanghai Exhibition Center

China does not want to be the world’s factory anymore. It is trying to revaluing its traditional origins through high quality craft such as precious silk qipao and white-blue Ming ceramics. However, this revival is perfectly integrated in contemporary innovative trends where digital approaches and innovative materials are considered an opportunity and not a threat.

Design Shanghai

Features Flyers

Design Shanghai aims to explore how eastern and western design philosophies can work together synergistically” across a big exhibition divided in five design halls: Workplace Design, Collectible Design, Classic & Luxury Design, Bathroom and Kitchen Design e Contemporary.

More than 350 exhibitors, including many Asian emerging designers, showed their works at Design Shanghai. Among speakers there were many international guests: Benjamin Hubert from Layer Design with his industrial style, Jason Bruges with his innovative installations, Jesse Mclin & Julie Progin from Latitude 22N, Kamir Rashid with his eclectic objects, the minimalist Natasa Perkovic, Paul Cocksedge mixing technology and manufacture and Bethan Laura Wood with her colorful symphonies.

Among several initiatives, Emerging Chinese Designer Platform is one of the most interesting, thanks to the collaboration with AD China. Ten emerging and promising young Chinese designers have been working to new projects about “New Chinese Vision”. This showcase for emerging talents is one of the most powerful tool to develop a new wave in Chinese design led by younger generations.

Design Shanghai

Emerging Chinese Designer Platform, Qiaolin Gong and Weijia Wang

Design Shanghai

Emerging Chinese Designer Platform, Wenqiang Li

Design Shanghai

Emerging Chinese Designer Platform, Siming Qiu

Design Shanghai around the city

Design Shanghai is much more than a fair. Xintiandi district, in the heart of the city, every year becomes a stage for collateral events. Xintiandi Design Festival  is the perfect mix between design and urban space. This year the festival aims to create a real city of design starting from the concept of “Future City”.

Design Shanghai

Xintiandi District

Many Chinese important curators have been worked to the project, especially Song Tao, Hou Zhengguang, Du Xinyue, Hu Zeming, Tian Mengran and Deng Min. They wanted to tell the idea of the “Future” in a creative and innovative way through exhibitions, installations and immersive experiences, here some examples.  

Design Shanghai

Emerging Chinese Designer Platform, Daishi Luo

Dragon Tree is a mapping 3D projection installation which creates the image of a dragon among trees of Xintiandi. The dragon is the logo of the Festival and the most ancient Chinese symbol of power. The dragon invites people to start experiencing design in a new different way.

Design Shanghai

Moon Birdy is a special edition of Hülsta seats by German designer Pascal Bosetti in a new colorful and shining version. A flock of funny multifunctional seats invites visitors to take a break.

Design Shanghai

Mesh Installation: Public Bench is a 10 meters bench realized by Chinese artist  Zhoujie Zhang. The handmade laser cut steel seems interact with people thanks to its mirrored surface.

Design Shanghai

L’Eden by Perrier-Jouët is an oasi in the heart of Shanghai which remembers us where we come from. A neon natural garden, made with a vintage taste like in the belle epoque.

Design Shanghai

The Design Archeology of a Suitcase is one of the most important initiative of the 2017 edition. The exhibition was entirely curated by the Chinese industrial designer Jamy Yang. Different kinds of luggages land on the space creating a surreal and futuristic scenario. Why? They are talking about what China needs: changes and explorations.  

Design Shanghai

In collaboration with Elle Deco, MINI Living tells about having “Limited space and unlimited creativity”. The main concept of this project is reinterpreting the space and the dwelling from new generations’ point of view, introducing a new smart way of living the house.

Design Shanghai

The Hub Station is a project born from the collaboration between Rob Pepper and THE HUB. The idea is mixing Eastern and Western style thanks to the Pepper’s trait in drawing famous Pudong skyline. 

Design Shanghai

Natural Instrument is an interactive installations realized by A&Alison about the distopian relation between men and machine. A spectral but colorful vivisection tries to answer to one of the most complex question of the near future.

 

Design Shanghai

Shine Shanghai is a project about objects of behavioral design, and in this case the work is about food boxes. These functional but high level objects aims to teach a new way of eating. The action of eating can become a real artistic masterpiece.

Shine Shanghai

The Tea House by Biofore represents a new sustainable way of interaction between natural elements and the space. No other place is better than a traditional Tea House to explore this new way of building, putting at the center the principal element par excellence: wood.

Design Shanghai

Design Shanghai

Design Shanghai

The New Eastern Making exhibition is maybe the most important part of the festival. This show wants to talk about a new Eastern design through the work of seven iconic artists who worked to combine traditional crafts, contemporary design and innovative materials. The idea is expressing the big potential of Chinese design telling a story which starts from a deep and ancient common cultural identity.

Design Shanghai

Design Shanghai

This is the real goal of Design Shanghai. Make Chinese design valuable and original. Something with a story to tell. Something that can play an important role in global design.

 

DESIGN SHANGHAI | MOLTO PIÙ DI UNA FIERA

Design Shanghai è l’evento più atteso dell’anno tra i creativi nella capitale asiatica del design. Dall’8 all’11 marzo si sono riuniti allo Shanghai Exhibition Center i più importanti brand cinesi ed internazionali tra oggetti di design, installazioni ed eventi collaterali.

Perché Design Shanghai

Design Shanghai si è da poco concluso e anche quest’anno ha riscosso un grande successo. Shanghai sta assistendo ad un vero e proprio rinascimento creativo e culturale affermandosi come la capitale asiatica della moda, della creatività e del design. Lontana da una Pechino inquinata e corrotta, Shanghai è la città perfetta dove vivere tra passeggiate nel Bund, grattacieli, quartieri d’arte e locali alla moda.

Design Shanghai è la conseguenza diretta di un’esplosione giovane e fresca dell’industria creativa cinese costantemente in espansione. Dopo il grande successo del 2016, quest’anno Design Shanghai torna con un nuovo tema complesso, ovvero la relazione tra il design globale, l’artigianato e la manifattura. Qual è il ruolo della Cina e del design cinese nello scenario globale attuale?

La Cina non vuole più essere la fabbrica del mondo, ma sta cercando di riscoprire le sue origini artigiane attraverso lavorazioni di alta qualità che ricordano le sete pregiate dei qipao tradizionali e le ceramiche bianche e blu della dinastia Ming. Questa nuova riscoperta si inserisce però in un trend globale innovativo che guarda al digitale come un’opportunità più che come una minaccia.

Design Shanghai vuole esplorare come il design occidentale e quello orientale possano lavorare insieme in modo sinergico” attraverso un’ esibizione suddivisa in cinque grandi aree: Workplace Design, Collectible Design, Classic & Luxury Design, Bathroom and Kitchen Design e Contemporary.

Oltre 350 espositori, tra cui molti designer asiatici emergenti, hanno portato i loro lavori a Design Shanghai. Tra gli speaker quest’anno sono stati invitati molti ospiti internazionali tra cui: Benjamin Hubert di Layer Design con il suo stile industrial, Jason Bruges con le sue innovative installazioni, Jesse Mclin & Julie Progin di Latitude 22N, Kamir Rashid con i suoi oggetti di design eclettici, la minimalista Natasa Perkovic, Paul Cocksedge famoso per il suo mix di tecnologia e manifattura e Bethan Laura Wood con le sue sinfonie di colori.

Tra le varie iniziative, Emerging Chinese Designer Platform è una delle più interessanti, nata dalla collaborazione con AD China, media partner dell’evento. Dieci tra i più influenti designer cinesi hanno lavorato alla progettazione di lavori seguendo il tema “New China Vision”. La creazione di questa vetrina per talenti emergenti è uno degli strumenti più potenti per lo sviluppo di una nuova corrente del design cinese guidato dalle nuove generazioni.

Design Shanghai in giro per la città

Design Shanghai è molto più di una fiera. Il distretto di Xintiandi, nel centro città, si anima di eventi collaterali interamente dedicati al design. Il Xintiandi Design Festival è un incontro perfetto tra il design e lo spazio urbano. Quest’anno il festival cerca di creare una vera e propria città del design basata sul concetto di “Città del futuro”.

Hanno lavorato al progetto importanti curatori cinesi come Song Tao, Hou Zhengguang, Du Xinyue, Hu Zeming,Tian Mengran e Deng Min cercando di raccontare l’idea di futuro in modo creativo e innovativo attraverso mostre, installazione ed esperienze immersive, eccone alcune.

Dragon Tree è un’installazione di mapping 3D che proietta il logo del festival a forma di drago tra gli alberi del quartiere. Il drago sembra quasi invitare i passanti alla scoperta di un nuovo modo di pensare il design, partendo dal simbolo nazionale per eccellenza, simbolo di forza e potere.

Moon Birdy è un’edizione speciale delle sedie di Hülsta realizzati dal designer tedesco Pascal Bosetti in una versione colorata e luminosa. Uno stormo colorato di sedie multifunzionali richiamano i visitatori ad una pausa.

Mesh Installation: Public Bench è una panchina di 10 metri realizzata dall’artista cinese Zhoujie Zhang. L’acciaio tagliato a laser sembra ondulare e interagire con i passanti grazie alla sua superficie specchiata.

L’Eden by Perrier-Jouët è un’oasi nel cuore di Shanghai che ci ricorda quali sono le nostre radici. Un giardino naturale e verde, con un gusto d’altri tempo, quasi da belle epoque.

The Design Archeology of a Suitcase è uno dei pezzi forti dell’edizione del festival 2017. La mostra è stata interamente curata dal famoso designer industrial cinese Jamy Yang. Valigie di varie forme e dimensioni occupano lo spazio ricreando uno scenario futurista e surreale. Lo scopo? Raccontare il viaggio, il cambiamento e l’esplorazione.

In collaborazione con Elle Deco, MINI Living racconta il binomio “Spazio limitato, creatività illimitata”. Il concetto alla base di questo progetto è reinterpretare il concetto di spazio e di abitazione con gli occhi giovani delle nuove generazioni, introducendo un nuovo modo di interpretare gli ambienti.

The Hub Station è un progetto nato dalla collaborazione tra Rob Pepper THE HUB. L’idea è combinare lo stile orientale e occidentale grazie al tratto tipico di Pepper nella rappresentazione del famoso skyline del quartiere Pudong.

Natural Instrument è un’installazione interattiva realizzata da A&Alison che mira a raccontare la distopica relazione tra uomo e macchina in un futuro troppo vicino. Una vivisezione spettrale, ma al tempo stesso vivace che cerca di dare una risposta ad uno dei più grandi quesiti del presente.

Shine Shanghai è un progetto che espone un oggetto di “design comportamentale”, ovvero scatole porta cibo. Questi oggetti funzionali, ma di alto valore artistico vogliono raccontare un nuovo modo di mangiare. Anche mangiare può diventare un capolavoro.

La Tea House di Biofore racconta un modo sostenibile per integrare elementi naturali allo spazio. Nessun luogo è migliore di una Tea House tradizionale per sperimentare un modo nuovo di costruire mantenendo il legno come elemento principale.

La mostra New Eastern Making è forse la mostra più importante del festival. Questa esposizione vuole raccontare il nuovo design orientale attraverso sette artisti iconici che hanno lavorato per combinare l’artigianato tradizionale, design contemporaneo e materiali innovativi.
L’idea è quella di esprimere il grande potenziale del design cinese attraverso un racconto che inizia da una comune identità culturale.

Questo è il vero scopo di Design Shanghai. Fare del design cinese qualcosa di originale e di valore. Qualcosa con una storia. Qualcosa che possa giocare un ruolo importante nel mondo del design a livello globale.