interview by Valentina Zardini, portraits by Stefano Masotto

Leila Gharib is Sequoyah Tiger: musician, producer, and performer born and raised in Verona (Italy). She has a very rich background to start from: first, the music experience with the rock band Bikini The Cat, and then, the one with the performing company Barokthegreat, founded along with Sonia Brunelli in 2008.

Her path is critical to understand both the project Sequoyah Tiger and Ta-Ta-Ta-Time, her debut EP released last April on the German label Morr Music. An intense project that’s been meticulously shaped, from the writing up to the graphic.

What I consider valuable today, for the world of music, it‘s to be able to surprise, and actually she is, thanks to her desire to experiment, to define, to explore different sounds, bringing along on this journey those who are ready to grasp it.


A little bit “tree” as well as “wild animal”. Tell us who Sequoyah Tiger is and where her roots come from.

In 2012 I started collecting pictures and texts specifically related to mainland explorations, evergreen travel classics, and some logbooks. Among these materials I met the words Sequoyah and Tiger that eventually would form the name of the project. These two elements have different characteristics – sometimes opposites – but in coexistence with each other. Here comes a double-faced nature laying at the base, to which I then gave soundstage and a voice.

Let’s talk about experimental music. Tell me about how experimentation works for you. That part where you take risks. 

Writing music needs a careful immersion, and I think the experimentation depends on how you “stand” in front of a musical idea. I wait for the right time to ignite all the elements that make up a song. Through a mix of emotional states translated into songs and incoming sounds, I get to complete the form of the song, the territory where I’m interested in developing.

It’s like getting involved with an idea, each time with different characteristics and origins. As for the “live”, it’s the first time that I perform alone on stage, it’s something that I would never have chosen if I had to. when you’re alone on stage the experience you get is very intense if compared to performing with a band.

Ta-ta-ta-time came out in April under the German label Morr music. Finding a supporting label has always been your goal or it just happened?

I started to bound a zine containing various drawings where there was also a code for the digital download of 4 tracks I wrote. For me, it was a way to show myself that I could make it my own way and produce an album independently at a low cost. After this first experience, I felt the desire to record a real album, by giving a “material” body to the music.

I wrote an email to Thomas Morr presenting the project and asking for feedback because I knew how Morr Music works, and the projects they support. Eventually, it resulted in a positive reaction  and the proposal to record an EP.

Listening to the debut EP, it seems to be in front of pieces written after hours and hours locked in the studio playing, stratifying, “dirtying” the sounds. Maybe now you will tell me that the songs were born in two minutes instead …

Yes, generally I need a long time to translate into sound the idea that I have in my head. Actually, having an idea requires time too: before holding the instruments, I get through this phase which is more mental and intuitive.

What is the “Bolero Effect” you’re talking about?

In the song ‘Five Chants’ I took some characters from the musical form of Bolero, the one by Ravel which is the most known. The effect has been an insistent and repetitive pattern, made up through the combination of a harmonic element, with no modulation, and a variable melodic element given by five different parts.


I saw you live at least a couple of times and I always had the impression that yours wasn’t just a concert, but a performance, where the performing/theatrical part integrates perfectly with the music. Do you agree?

I think so, during the concert I always look for a “body presence”. It’s a consequence of my exposition through my voice. The singing develops on the body showing some physicality, creating an image, something to see that gives material to the sentimental wave.

What strikes me the most is that often the lyrics of your songs are not easily understandable: sometimes this is due to the effects on your voice. Is this something you have always wanted to achieve? I’ve deduced they’re like additional sounds, intending to free the listener’s interpretation.

The impenetrability you’re speaking of depends on the emotional charge transported in the melody and lyrics. I love about vocal melodies, and sometimes the pedal effects I use act on the voice. This sort of “dress” that I add in, throws the listening directly into a different dimension when compared to a “dry” voice. In this way you can also expand the frequencies, covering the roles of other instruments.

How much of your experience with Barokthegreat has affected you, both on the writing side and in your live performances?

A lot! I perceive Sequoyah Tiger as a branch of the experience with Barokthegreat in the performing arts. Developing with Sonia Brunelli all the shows and performances, find my merge between sound and gesture choreography have been important possibilities during my path.

You embody very well the concept of “synesthesia” in art. What’s that you cannot see from the outside, in your opinion?

When I sing -in that very moment- it feels as I am revealing myself more than hiding. It’s a kind of expression that reveals.

What would you like one of your concerts leaves to a spectator, or your EP to a listener?

I’d like them to get the desire to follow the project in its development.

What’s in the future of Sequoyah Tiger?

Soon, it will be released a split 7 inch with the Berlin group Saroos containing a remix of one of their songs made by me, and vice-versa. I am working right now on new materials, and there are new live dates in the Winter.

Sequoyah Tiger @ Villa Buri. Pellicola Instax Fuji.


An object always with you.

A knife.

The music of your childhood.

The soundtracks of Walt Disney movies.

Your favorite teenager song.

Too many, it’s impossible to pick one!

The album you currently listen to obsessively.

The one I’m writing now.

A thing your heart.

Stationery and hardware stores.

A living genius.

A brilliant living one.

Drop everything and run…


A person who you’ll high 5.

Someone who’ll give you a 5.

One thing that you wish you had invented.

Hum, wood.

The cover that never got made.

The one that you don’t wanna do.

A fact that should be deleted forever.

I’d need a DeLorean.

The mistake you don’t wanna repeat.

To not put cheese on my ravioli.

The choice you’d do indefinitely.

Add the cheese on my ravioli.

intervista di Valentina Zardini, ritratti di Stefano Masotto

Leila Gharib è Sequoyah Tiger: giovane musicista, producer e performer veronese. Non parte di certo sprovvista, ma si porta un bagaglio splendido sulle spalle: prima l’esperienza musicale con la rock band Bikini The Cat, e poi quella con la performing art e la compagnia Barokthegreat, fondata da lei e Sonia Brunelli nel 2008.

Questo suo percorso è fondamentale per capire da dove siano nati Sequoyah Tiger e Ta-Ta-Ta-Time, EP di debutto uscito lo scorso aprile per l’etichetta tedesca Morr Music. Un progetto intenso, cesellato minuziosamente, sia per quanto riguarda creazione e scrittura, sia per la grafica.

Quello che ritengo prezioso oggi, per il mondo della musica, è riuscire a stupire, e lei c’è riuscita, grazie alla sua voglia di sperimentare, definirsi, creare una vera esplorazione sonora, prendendo a bordo tutti coloro in grado di farsi sorprendere.


Un po’ albero, un po’ animale feroce. Dicci un po’ chi è Sequoyah Tiger e quali sono le sue radici.

Nel 2012 ho iniziato a raccogliere immagini e testi legati soprattutto ai viaggi di esplorazione terrestre, grandi classici del genere, e diari di bordo: tra questi materiali ho incontrato le due parole “Sequoyah” e “Tiger”, che sono andate poi a formare il nome del progetto. Questi due elementi hanno caratteri diversi -a volte opposti- ma in convivenza tra loro: da qui nasce una natura bifronte di base, a cui ho dato poi un’atmosfera sonora ed una voce. Nel tempo Sequoyah Tiger è diventato un progetto musicale solista, stimolato da un ampio bagaglio visivo.

Parliamo di musica sperimentale, nel vero senso della parola. Spiegami un po’ come funziona per te la sperimentazione, il mettersi in gioco. 

La scrittura musicale ha bisogno di un’accurata immersione, e la sperimentazione credo parta proprio dalla maniera in cui ci si pone davanti ad un’idea musicale. Aspetto il momento giusto per far innescare tutti gli elementi che compongono un brano; attraverso la miscelazione di stati emotivi tradotti in canti e suoni, arrivo a completare la forma della canzone, territorio dove voglio muovermi.

E’ un mettersi in gioco con un’idea, ogni volta con caratteri e origine diversa. Per quanto riguarda il live è per me la prima volta che mi presento da sola, è una cosa che sinceramente non avrei mai scelto e, rispetto a salire sul palco con una band o con un gruppo allargato, l’effetto che si prova è molto intenso.

Ta-Ta-Ta-Time è uscito ad aprile 2016 per Morr Music. Trovare un’etichetta d’appoggio era un tuo obiettivo o semplicemente è capitato?

Inizialmente ho rilegato una zine contenente vari disegni in cui era indicato un codice per il download digitale di 4 brani: era un modo per esporsi che potevo curare e produrre in totale indipendenza senza grandi spese. Provata questa strada ho sentito il desiderio di stampare un disco vero, dare un corpo più sostanzioso alla mia musica. Conoscendo il taglio preciso di Morr Music e la cura per i progetti che sostiene, ho scritto una mail a Thomas Morr presentando il progetto e chiedendo un feedback. Oltre ad una reazione positiva al materiale è arrivata anche la proposta di stampare un EP.

Ascoltando questo EP di debutto sembra di trovarsi davanti a pezzi nati dopo ore e ore chiusa in studio a suonare, stratificare, sporcare suoni. Magari ora mi dirai che le canzoni esplodono invece in 2 minuti…

Sì, in generale mi serve molto tempo per tradurre in suono l’idea che ho in testa. In realtà anche arrivare ad avere un’idea in testa richiede, a sua volta, tempo: prima di prendere in mano gli strumenti, attraverso quindi anche questa fase più mentale ed intuitiva.

Cos’è il “Bolero Effect” di cui parli?

Nel brano Five Chants ho ripreso alcuni caratteri della forma musicale del Bolero, in particolare di quello di Ravel che è il più conosciuto. L’effetto è stato un andamento incalzante e ripetitivo, costruito attraverso l’associazione di un elemento armonico privo di modulazione ed un elemento melodico variabile dato da cinque canti differenti.

Ti ho vista dal vivo almeno in un paio d’occasioni e ho sempre avuto l’impressione che il tuo non fosse solo un concerto, ma una performance, in cui la parte performativa/teatrale si libera ed si integra benissimo. Sei d’accordo? 

Direi di sì, nel momento del concerto cerco una presenza corporale, è una conseguenza del dovermi esporre attraverso la voce, dello sforzo vocale: il cantare si espande sul corpo mostrando una certa fisicità, creando un’immagine che dà spessore all’onda emotiva.

Mi ha anche colpito il fatto che spesso i testi delle canzoni non siano facilmente comprensibili, spesso per gli effetti sulla voce. È voluto? Io l’ho interpretato un po’ come degli ulteriori suoni, il cui significato è di libera interpretazione dell’ascoltatore.

L’opacità di cui parli la scelgo a seconda della carica emotiva che trasporto nella melodia e nel testo. Mi appassionano le melodie vocali e a volte gli effetti a pedale che uso agiscono proprio sulla voce. Questa sorta di “vestito” che metto a priori catapulta l’ascolto direttamente in una dimensione diversa rispetto ad una voce asciutta. Inoltre in questo modo, si possono espandere le frequenze, e coprire ruoli di altri strumenti.

Quanto della tua esperienza con Barokthegreat ha influito, sia nella scrittura dei tuoi pezzi che nei live, appunto?

Tantissimo! Percepisco Sequoyah Tiger come un ramo nato dall’esperienza fatta con Barokthegreat nelle arti performative. Ideare insieme a Sonia Brunelli tutti gli spettacoli e performance, trovare una mia fusione tra suono e gesto coreografico, sono state possibilità importanti nel mio percorso.

Tu incarni benissimo il concetto di sinestesia nell’arte. Cos’è che secondo te non si può vedere esternamente? 

In realtà, nel momento in cui canto, mi sembra di rivelare più che nascondere, mi sembra che sia un tipo di espressione che rivela.

Cosa ti piacerebbe che rimanesse ad uno spettatore dopo un tuo concerto, o ad un ascoltatore dopo aver sentito il tuo EP?

Mi piacerebbe che rimanesse il desiderio di seguire il progetto nel suo sviluppo e d’incontrarlo nuovamente.

Cosa riserva il futuro di Sequoyah Tiger?

Uscirà presto uno split 7 pollici con il gruppo berlinese Saroos, contenente un mio remix di un loro brano e viceversa. Sono ora al lavoro su nuovi materiali, e per l’inverno ci saranno nuove date live.

Sequoyah Tiger @ Villa Buri. Pellicola Instax Fuji.


Un oggetto da cui non separarsi mai. 
Il coltello.

La musica della tua infanzia. 
Le colonne sonore dei film di Walt Disney.

La tua canzone preferita dell’adolescenza.
Troppe, impossibile!

Il disco che ascolti ossessivamente ora. 
Quello che sto scrivendo ora.

Un luogo del cuore. 
Cartolerie e ferramenta.

Un genio vivente.
Un vivo geniale.

Mollo tutto e scappo a…

Una persona a cui dare il 5. 
Sempre ad un altro 5.

Una cosa che vorresti aver inventato tu. 
Mah, il legno.

La cover che non andrebbe mai fatta. 
Quella che non vuoi fare.

Un fatto che andrebbe cancellato per sempre.
Prima dammi una DeLorean.

Lo sbaglio che non vorresti più commettere.
Dimenticare il formaggio sui ravioli.

La scelta che rifaresti all’infinito.
Aggiungere il formaggio sui ravioli.

Per tenervi aggiornati su Sequoyah Tiger, i suoi nuovi lavori e le date del tour, seguite la sua pagina Facebook