Quest’anno il Museo Astrup Fearnley celebra 25anni di arte moderna nella capitale norvegese attraverso una serie di mostre ed eventi: ci siamo uniti alle celebrazioni e abbiamo visitato la collezione permanente del museo e la mostra con opere di Nate Lowman.

L’edificio, completato nel 2012 e progettato da Renzo Piano, si trova in una location privilegiata. Un lato volge verso l’entrata del fiordo, punto di riferimento per le barche che entrano e lasciano la città, e dall’altro osserva la città, con il suo municipio, il porto e il forte.

La sua posizione è ideale come rifugio nella stagione invernale, ma è anche una location perfetta per godersi il mare e il giardino nelle lunghe giornate estive.

Dopo soli due passi dall’entrata del museo la prima opera che si trova è Mother and Child (Divided) di Damien Hirst, un benvenuto piuttosto potente alla collezione permanente del museo che prosegue quindi con un’altra istallazione di Hirst God alone knows e i lavori su base fotografica di Gilbert & George.

Al momento della nostra visita era allestita una mostra sul lavoro di Nate Lowman: attraverso la manipolazione di diversi elementi della cultura pop dai graffiti alla pubblicità è in grado di create il suo proprio stile narrativo per riflettere sulla cutura e la società americane.

Al secondo piano, la collezione permanente continua con i dipinti di Martin Kippenberger, David Hockney e Anselm Kiefer. Dopo la visita al museo vale la pena continuare a visitare questa parte della città, Tjuvholmen: un’estensione artificiale della penisola costruita sull’acqua, con bei caffè, ristoranti e negozi.

oslo trip modern art museum7

Entrance to the Oslo Astrup Fearnley Museum

Exhibition in the Oslo Museum of Modern Art

Mother and Child (Divided) by Damien Hirst

oslo trip modern art museum4

Photography by Gilbert & George

oslo trip modern art museum5

Work of art by Nate Lowman

oslo trip modern art museum6

Painting by Nate Lowman

oslo trip modern art museum8

Painting by David Hockney