If you happen to be in Milan between October 5th and January 8th 2017, you should consider stopping by at La Triennale. The incredibly rich program offered this Winter includes a photography exhibition called L’Altro Sguardo. Fotografe italiane 1965-2015 and gather the works of fifty Italian female authors from the Sixties until nowadays.

It is not hard to imagine why the starting point is set in the Sixties: they represent the very beginning for a lot of cultural and political changes, as they saw the rising of the ever-increasing-since-then intrusion by women in many fields, that were until then a male prerogative, like happened with the photographer Paola Agosti and her pioneering works.

The fields of arts and photography were no exception. So the occasion of the fifty years anniversary – such as the one that goes from 1965 to 2015 – constituted just the perfect pretext to explore and spread, more and more, the work of several generations of brilliant and brave women, and also photographers.

L’Altro Sguardo is also a way to observe the change, and reflect on the differences of approach and subjects that followed through the years, at different times and in relation to new technologies. The central themes are linked to a personal point of view of the body, and the everyday life, the family, the personal needs, expressed every time with a different approach.

An installation of thirty screens welcomes you at the very beginning of the exhibition, where you can watch exclusive interviews with the protagonists and better understand their personal creative path. Beyond the hall, which is both an introduction and a supplementary support, begins the photographic “alternative vision” that is celebrated in the title, set up in different rooms, each one corresponding to a specific theme: Dentro le storie, Cosa ne pensi tu del femminismo?, Identità e relazione, Vedere oltre (Inside the stories, What do you think of feminism?, Identity and relationship, See beyond).

What finally results is a heterogeneous path in which are shown the common thread that links several artists, even if they belong to very different generations.

allegramartin_doublebind_03_2014

The artists on display are:

Paola Agosti, Martina Bacigalupo, Isabella Balena, Marina Ballo Charmet, Liliana Barchiesi, Letizia Battaglia, Tomaso Binga (Bianca Menna), Giovanna Borgese, Marcella Campagnano, Silvia Camporesi, Monica Carocci, Lisetta Carmi, Gea Casolaro, Elisabetta Catalano, Carla Cerati, Augusta Conchiglia, Paola De Pietri, Agnese De Donato, Paola Di Bello, Rä di Martino, Anna Di Prospero, Bruna Esposito, Eva Frapiccini, Simona Ghizzoni, Bruna Ginammi, Elena Givone, Nicole Gravier, “Gruppo del mercoledì” (Bundi Alberti, Diane Bond, Mercedes Cuman, Adriana Monti, Paola Mattioli, Silvia Truppi), Adelita Husni-Bey, Luisa Lambri, Lisa Magri, Lucia Marcucci, Raffaela Mariniello, Allegra Martin, Paola Mattioli, Malena Mazza, Libera Mazzoleni, Gabriella Mercadini, Marzia Migliora, Verita Monselles, Maria Mulas, Brigitte Niedermair, Cristina Omenetto, Michela Palermo, Lina Pallotta, Beatrice Pediconi, Agnese Purgatorio, Luisa Rabbia, Moira Ricci, Giada Ripa, Sara Rossi, Marialba Russo, Chiara Samugheo, Shobha, Alessandra Spranzi, Francesca Volpi.

paola-agosti-1

barchiesi-_casalinghe_01 gravier1976-80fronte4317 lisetta-carmi alessandra-spranzi-tornando-a-casa-20-1997-stampa-a-colori-su-alluminio-cm-245x365-ed-52pda2000pixel

Dal 5 ottobre 2016 all’8 gennaio 2017 il programma della Triennale di Milano include una mostra tutta firmata al femminile. Si chiama “L’Altro Sguardo” e raccoglie le fotografie di cinquanta autrici italiane dagli anni Sessanta a oggi.

Non è difficile immaginare perché siano proprio gli anni Sessanta il punto di inizio dell’esibizione. Lo sono, in effetti, per tutto: rappresentano il periodo che per cultura e politica ha visto l’intromissione sempre più consistente da parte delle donne in vari settori di appannaggio prevalentemente maschile. Non hanno fatto eccezione neppure il mondo della fotografia e dell’arte in generale. Ecco allora che il ricorrere di un cinquantennio come quello che va dal 1965 al 2015 costituisce un pretesto semplice per valorizzare e divulgare sempre più le opere di diverse generazioni di fotografe donne.

L’Altro Sguardo è anche un modo per osservare il cambiamento e riflettere sulle differenze tematiche o di approccio che si susseguono con gli anni, in momenti diversi e grazie o in collisione con le novità tecnologiche.

La mostra è fisicamente preceduta da un’installazione di trenta schermi dove poter osservare interviste esclusive alle protagoniste e comprendere al meglio le visioni personali delle stesse. A seguito di questo corridoio, che fa sia da introduzione che da approfondimento, ha inizio lo sguardo fotografico alternativo che si celebra nel titolo, strutturato in modo che a ogni stanza corrisponda un tema specifico: Dentro le storie, Cosa ne pensi tu del femminismo?, Identità e relazione, Vedere oltre. Quello che ne deriva così è un percorso eterogeneo nel quale sono evidenziati vari fili rossi che uniscono interpreti diverse anche a distanza di decenni le une dalle altre.

bacigalupo-gulu-13

Le artiste in mostra sono:

Paola Agosti, Martina Bacigalupo, Isabella Balena, Marina Ballo Charmet, Liliana Barchiesi, Letizia Battaglia, Tomaso Binga (Bianca Menna), Giovanna Borgese, Marcella Campagnano, Silvia Camporesi, Monica Carocci, Lisetta Carmi, Gea Casolaro, Elisabetta Catalano, Carla Cerati, Augusta Conchiglia, Paola De Pietri, Agnese De Donato, Paola Di Bello, Rä di Martino, Anna Di Prospero, Bruna Esposito, Eva Frapiccini, Simona Ghizzoni, Bruna Ginammi, Elena Givone, Nicole Gravier, “Gruppo del mercoledì” (Bundi Alberti, Diane Bond, Mercedes Cuman, Adriana Monti, Paola Mattioli, Silvia Truppi), Adelita Husni-Bey, Luisa Lambri, Lisa Magri, Lucia Marcucci, Raffaela Mariniello, Allegra Martin, Paola Mattioli, Malena Mazza, Libera Mazzoleni, Gabriella Mercadini, Marzia Migliora, Verita Monselles, Maria Mulas, Brigitte Niedermair, Cristina Omenetto, Michela Palermo,Lina Pallotta, Beatrice Pediconi, Agnese Purgatorio, Luisa Rabbia, Moira Ricci, Giada Ripa, Sara Rossi, Marialba Russo, Chiara Samugheo, Shobha, Alessandra Spranzi, Francesca Volpi.