Ren Hang’s photography is radical and natural at the same time. His work is made by intimate and spontaneous moments that are not looking for any approval neither interpretation. In his decontextualized naked bodies dwells a dissident hedonism which talks about a placid and discreet freedom, a freedom able to charm without asking.

Ren Hang Behind the Lens

Ren Hang is a Chinese photographer and poet who lives and works in Beijing. He comes from Changchun in Jilin province, but he arrived in the capital city years ago to study at the University. He soon understood that marketing was not really his thing and with a 16 dollars camera started shooting pics with no academic background.

RenHang_Opening

Ren Hang at Capricious 88 in 2015 Photograph by Max Mikulecky

 

His artistic production starts in 2008 when he realized that shooting pictures make him feel good. Could there be any other better reason? His work moves the first steps from the concept of freedom. However, Ren’s freedom is far from abstract interpretations and it can be simply explained as “the ability of doing what we want, whenever we want”.

Ren doesn’t care what you think about his pics. He doesn’t care what his parents think, he never asked them anything about his work. He even doesn’t care of censorship and dictatorship. Actually he doesn’t care about anything. Revolution or boredom? Ren Hang is very similar to all anti-heroes protagonist of Chinese contemporary novels: young, cold and ordinary.

RenHang_Opening

Ren Hang at Capricious 88 in 2015 Photograph by Max Mikulecky

 

The Dream of the White Chamber

Ren’s sets are a no-places. White backgrounds, tiled floors, buildings roofs and open spaces in the middle of nature. These no-places give power and energy to his photography building an harmonious connection with decontextualized naked bodies. This is probably the reason why Ren’s book “The Room” is the first book collecting his mature artistic photographs after his debut with “Ren Hang” representing the starting point of his distinctive artistic path.

Ren-Hang_Books

Ren Hang’s Books: Ren Hang on the left and The Room in the right

 

Ren-Hang

Ren Hang’s Book

 

Ren-Hang

Ren Hang’s Book

 

Ren rarely goes out of his room and when it happens he prefers familiar places. Even his open spaces seem to be out of this world, far from contemporary China, where the nature resists and expresses itself. However, it is inside that four white walls that the artist spends most of his time, transforming friends in models and art in game.

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2015

 

“With them I can go further” Ren claims. Shooting must be first of all funny and it is easier have fun with friends. They are his perfect models since with him they are completely at ease. If confidence, trust and fun disappear Ren prefers stop shooting, otherwise his work would loose its core meaning.

That white room and  those red mouth models are exactly how Ren’s pics show. A photo born from an idea, goes through the camera to the film and express itself in a printed paper. The whole creative process of Ren’s personal projects is analog with no post production adjustments. “Is there anybody who edit his thoughts? I don’t edit my thoughts, why should I have to edit my pics?”. Thus, Ren’s pics are stuck somewhere between awake and sleep.

Ren-Hang

Ren Hang, 2012

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2012

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2015

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Beijing and Other Animals

Ren Hang was one of the protagonists of the collective exhibition  FUCK OFF 2 hold at Groninger Museum in Netherlands in 2013. The exhibition, curated by Ai Weiwei, Feng Boyi, Mark Wilson, gathered many independent contemporary Chinese artists who rarely would be able to show their works in China.

On the contrary to many dissident artists and to A Wei Wei, Ren Hang never expressed a open critic position about his country and Chinese political regime. Ren always says to love his country and that his work is far from the politics and does not want to face the party at all. Censorship represents only a stimulus to rise his voice and to fight standing to the art’s side.

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Ren-Hang

Ren Hang, My Mum

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2015

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2013

 

But even if Ren loves his country doesn’t mean that China loves Ren. His work has been deeply contested and it is classified as illegal pornographic material. In China sexuality is still a tabù and most of the time Ren’s work is not understood. Many exhibitions, especially at the beginning of his career, were closed by police, his social accounts like weibo and his website are often blocked and he was arrested three times during his shootings.

Working in these conditions is not easy and this is one of the reason why it’s better shooting at home instead of going out in public spaces. Ren’s place, thus, started hosting whoever and whatever is necessary becoming a surreal zoo populated by octopus, peacocks, fish, reptiles, and butterflies.

Ren-Hang

Ren Hang, 2013

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2015

 

Ren-Hang

Ren Hang, My Mum

 

Censorship didn’t stop Ren, in fact he published several photographic books following the new wave of independent photographic press spread in Europe and in the West generally speaking. Ren’s books (500 copies, limited edition) are becoming more and more rare and expensive, especially since the artist started his tour outside China with solo exhibitions. Recently, Dian Hanson published for Taschen a photographic book entirely dedicated to Ren.  

After Vienna, Stockholm, Tokyo, Los Angeles, New York, the Foam in Amsterdam, one of the most important European institute for avantgarde photography, hold a Ren Hang’s solo exhibition. Naked/Nude was open in January and it will close on April 12nd.

Ren-Hang

Ren Hang by Dian Hanson published by Taschen

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Ren-Hang

Ren Hang’s exhibitions posters

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2014

 

Ren-Hang

Ren Hang, 2013

 

Although Ren’s latest exhibition is called Naked/Nude focusing on one of the most peculiar constant of his artistic production, recently his models started to be dressed up by high fashion clothes. Being one of the most promising photographer in the international stage, big brands started to notice Ren, like Gucci. Ren took part of Guccigram, a scouting project by Gucci aiming to run the Instagram campaign #guccigram collecting original contents by independent artists.

Many famous Magazine like: Yat Pit, Numéro China Magazine, Purple Fashion Magazine, Modern Weekly Magazine, Dune Magazine, Maison Kitsuné, Bauty Paper Magazine, TANK Magazine, Bazaar Art China Magazine, GQ style China Magazine, and Vice asked Ren to create dedicated projects and shootings. In December 2016 Ren’s closed his latest shooting for Vogue Me China together with the fashion editor Austin Wang and the famous Chinese model Huan Meng Yang.

Ren-Hang

Ren Hang for Gucci

 

Ren-Hang

Ren Hang for Gucci

 

Ren-Hang

Ren Hang for Gucci

 

Ren-Hang

Ren Hang for Gucci

 

Ren-Hang

Ren Hang for Vogue Me China

 

Ren-Hang

Ren Hang for Vogue Me China

 

Ren-Hang

Ren Hang for Dune Magazine

 

Ren-Hang

Ren Hang per Atelier Rouge Pekin

 

In his fashion shootings Ren never betray his naturalistic style and his hedonistic atmosphere maintaining a strong connection between the body and the space. Ren thinks that shooting nudes is a central of his work since “people come to this world naked, so, the naked body represents people’s original version. By shooting nudes, you can feel the people’s real and authentic existence through their naked bodies.”

Maybe, it’s no coincidence that the artist put the voice Fashion separated from his personal projects at the end of the list of his portfolio. Or, maybe, he discovered that being dressed it’s not so bad when clothes are a great artworks too.

Ren-Hang

Ren Hang for Boy don’t cry

 

Ren-Hang

Ren Hang for Beauty Paper Magazine

 

Ren-Hang

Ren Hang for Numerò China Magazine

 

Ren-Hang

Ren Hang for GQ Style China

 

Ren-Hang

Ren Hang for Maison Kitsune

 

Ren-Hang

Ren Hang for Elsewhere Magazine

 

Ren-Hang

Ren Hang for Aserica Magazine

 

Ren-Hang

Ren Hang for Obsession Magazine

 

REN HANG: L’EDONISTA DISSIDENTE

La fotografia di Ren Hang è radicale nel suo essere naturale, fatta di momenti intimi e genuini che non cercano approvazione e tantomeno interpretazione. Nei corpi nudi decontestualizzati echeggia un edonismo dissidente che racconta una libertà pacata e discreta che non chiede niente a chi li sta guardando, ma che sa ammaliare.

Ren Hang Dietro l’Obiettivo

Ren Hang è un fotografo e poeta cinese che vive e lavora a Pechino. Originario di Changchun nella provincia dello Jilin, arriva nella capitale per frequentare l’università, ma capisce presto che il marketing non fa per lui e con una macchina fotografica da 16 dollari inizia a scattare foto da autodidatta.

La sua produzione artistica inizia nel 2008 quando arriva alla consapevolezza che scattare foto lo fa stare bene. Alla fine quale altro motivo dovrebbe esserci? Il suo lavoro parte dal concetto di libertà lontana da qualsiasi interpretazione, ma semplicemente intesa come “l’abilità di fare ciò che si vuole quando si vuole”.  

A Ren Hang non importa cosa ne pensi tu del suo lavoro. Non gli importa cosa ne pensano i suoi genitori, non gliel’ha nemmeno mai chiesto. Non gli importa nemmeno della censura e della dittatura. In realtà, a Ren Hang sembra non importare nulla di nulla. Dissidenza o noia? Ren Hang sembra l’antieroe protagonista di quasi tutti i romanzi cinesi contemporanei: giovane, asettico e comune.

Il Sogno della Camera Bianca

I set delle fotografie di Ren Hang sembrano un non luogo. Sfondi bianchi, pavimenti piastrellati, tetti di palazzi tutti uguali e spazi aperti immersi nella natura. Questi non luoghi però danno forza alle immagini e raccontano una storia insieme ai corpi nudi protagonisti, che pur sembrando decontestualizzati, dialogano armonicamente con ciò che li circonda. Non è un caso che sia proprio il suo secondo libro “The Room” a raccogliere le sue foto artisticamente più mature rappresentando l’inizio di una linea stilistica distintiva.

Ren Hang raramente esce dalla sua stanza e quando accade sceglie luoghi familiari che conosce e frequenta. Sono luoghi che anch’essi non sembrano di questo mondo, luoghi lontani dalla Cina contemporanea dove la natura resiste ed esprime se stessa. Ma è dentro quelle quattro mura bianche, dove l’artista passa la maggior parte del suo tempo, che i suoi amici diventano modelli e l’arte diventa un gioco.

“Con loro posso spingermi oltre” afferma più volte Ren. Scattare fotografie deve essere divertente per lui ed è più facile divertirsi con i propri amici, che con lui si sentono perfettamente a loro agio. Nel momento in cui la confidenza, la fiducia e il divertimento scompaiono Ren preferisce abbassare la macchina fotografica perché altrimenti il suo lavoro perderebbe di significato.

Quella stanza dalle pareti bianche abitata da modelle dalle labbra rosse è esattamente come la vediamo, così come tutti gli altri soggetti delle sue foto. Una foto nasce da un’idea, passa attraverso la macchina fotografica, viene racchiusa in rullino e raccontata con una stampa. L’intero processo creativo dei suoi progetti personali è analogico e non c’è nessun lavoro di post produzione fotografica. “Qualcuno di voi edita i propri pensieri? Io non edito i miei pensieri, quindi perché dovrei farlo con le mie foto?” Ed è così che le foto di Ren rimangono bloccate da qualche parte tra il sogno e la realtà.

Pechino e Altri Animali

Ren Hang è stato uno dei protagonisti della mostra collettiva FUCK OFF 2 al Groninger Museum nei Paesi Bassi nel 2013. La mostra, curata da Ai Weiwei, Feng Boyi, Mark Wilson,  raccoglieva diversi artisti cinesi contemporanei dissidenti e indipendenti che difficilmente avrebbero potuto esporre i propri lavori in Cina.

Tuttavia, a differenza di molti artisti e anche di A Wei Wei, Ren Hang non ha mai affermato o dimostrato nessun tipo di rancore nei confronti del proprio paese e del sistema politico cinese. Ren ha affermato più volte di amare il suo paese e che il suo lavoro non è mosso da nessun tipo di critica politica. La censura al contrario è per lui un incentivo per fare di più e far sentire la sua voce e continuare la sua battaglia per l’arte.

Il fatto che Ren ami il suo paese non significa che la Cina ami Ren, anzi. Il suo lavoro è stato fortemente contrastato ed è stato catalogato come materiale illegale pornografico. In Cina il tema del sesso è ancora un tabù e i nudi di Ren spesso non vengono capiti. La maggior parte delle sue mostre, soprattutto all’inizio, sono state chiuse, i suoi canali social come weibo e il suo sito web sono spesso bloccati e lo stesso artista è stato arrestato più volte durante gli shooting fotografici.

Lavorare in queste condizioni non è sempre facile ed è uno dei motivi per cui Ren preferisce lavorare in casa piuttosto che scattare foto in luoghi pubblici. La casa di Ren quindi ospita tutto ciò che serve per i suoi scatti e si popola di animali surreali per la capitale cinese: pavoni, polipi, acquari, colombe, rettili, pesci e farfalle.

La censura però non ha fermato Ren dal pubblicare diversi libri dedicati ai suoi scatti, accodandosi a tutta quella corrente di editoria indipendente fotografica molto diffusa in Europa. I libri fotografici i Ren Hang stanno diventando sempre più rari e costosi, soprattutto da quando l’artista ha iniziato ad esporre fuori dalla Cina con mostre personali. Recentemente Dian Hanson ha pubblicato per Taschen un libro fotografico dedicato interamente all’autore.

Vestendo il nudo

Dopo Vienna, Stoccolma, Tokyo, Los Angeles, New York, il Foam di Amsterdam, una tra le istituzioni più attente in campo europeo alle ricerche fotografiche d’avanguardia, ha organizzato un’esposizione interamente dedicata al fotografo cinese. La mostra Naked/Nude è stata aperta a gennaio e rimarrà aperta fino al 12 aprile.

Nonostante la mostra di Ren Hang porti il titolo Naked/Nude raccontando uno degli elementi distintivi e costanti della sua produzione artistica, negli ultimi tempi molte delle sue modelle sono state vestite con abiti di alta moda. Diventando un esponente importante nella scena fotografica indipendente internazionale, Ren Hang è stato notato da alcuni grandi marchi primo tra tutti Gucci che lo ha inserito all’interno del suo progetto Guccigram. Guccigram è un progetto digitale del brand volto alla creazione della campagna #guccigram su Instagram dedicato a fotografie e immagini di grandi artisti indipendenti internazionali.

Molti altri brand e riviste di settore tra cui: Yat Pit, Numéro China Magazine, Purple Fashion Magazine,  Modern Weekly Magazine, Libertin DUNE Magazine, Maison Kitsuné, BEAUTY PAPERS Magazine, TANK Magazine, BAZAAR ART China Magazine, GQ style China Magazine, e Vice hanno chiesto a Ren di scattare dei servizi fotografici dedicati. A dicembre 2016 il suo ultimo servizio fashion è stato quello per Vogue Me China, insieme a Austin Wang e alla famosa modella cinese Huan Meng Yang.

Nelle sue fotografie per il fashion Ren non tradisce il suo stile naturalistico e l’atmosfera edonistica tipica delle immagini e del rapporto tra corpo e spazio. Ren ha affermato più volte che le sue fotografie ritraggono corpi nudi perché “le persone nascono nude e per questo i corpi nudi sono la versione originale di ognuno di noi. In questo modo è possibile sentire la vera esistenza delle persone attraverso il loro corpo nudo”.

Forse, non è un caso che l’artista separi concettualmente i suoi progetti personali dalla voce Fashion, quasi invisibile alla fine della lista del suo portfolio. O forse, più semplicemente, si è convinto che i vestiti non sono poi così male se sono anch’essi un’opera d’arte.