Düsseldorf -come molte altre città della Germania- ha visto il suo centro storico bombardato durante la Seconda Guerra Mondiale: tale distruzione non ha però impedito alla città di crescere dopo la fine della guerra e di diventare il polo industriale ed economico di oggi.

Grazie alla Kunstakademie (Accademia della arti) Düsseldorf è presto diventata anche un polo di attrazione artistica e culturale, punto di riferimento per nuovi talenti, terreno fertile per gallerie d’arte moderna e contemporanea di alto livello ed eventi internazionali.

dusseldorf_trave_kunshalle

Per capire meglio cosa ha da offrire questa città , abbiamo deciso di iniziare la nostra visita alla Kunsthalle e al Kunstverein, due istituzioni ospitate all’interno dello stesso edificio brutalista. Alcune delle mostre in esibizione al momento della nostra visita erano Singular \ Plural e Asymmetric Architectures, entrambe dedicate alla celebrazione dei 50 anni del museo. L’obiettivo era quello di ripercorrere la storia del museo e dei movimenti artistici che hanno aiutato a conferire a Düsseldorf un posto di rilievo nel panorama dell’arte contemporanea europea. Gli anni 70 in particolare sono stati fondamentali e nel percorso della mostra si ricostruisce la storia agli artisti che hanno contribuito a creare e definire la sua identità.

dusseldorf_travel_1 dusseldorf_travel_2 

L’offerta culturale e artistica della capitale del Land Nordrhein-Westfalen continua con i trei musei che compongono il Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, ovvero il K20, il K21 e l’F3. Questi tre musei, disseminati in tre parti della città, offrono collezioni di arte moderna e contemporanea in edifici di tutto rispetto, uno recentemente rinnovato -il K20- e uno considerato monumento storico, l’F3.

Il K21 ospita dal 25 marzo 2017 un’installazione permanente di Tomás Saraceno intitolata in orbit, bellissima ed emozionante come sempre lo sono le sue architetture spaziali. inoltre, ci sono sempre mostre temporanee in collaborazione con i più importanti musei internazionali, come quella su Marcel Broodthaers, curata dal MoMA e dal Reina Sofia di Madrid.