#artistswelove

Tina Modotti ha le sembianze di Ashley Judd nel film Frida. Sono state amiche, hanno condiviso ideali oltre che la terra messicana, patria d’adozione per Tina. Molti impieghi e molti paesi diversi: dall’Italia è emigrata negli Stati Uniti, a Hollywood è stata modella e attrice, poi musa di artisti e moglie.

E poi c’è Edward Weston, compagno dal 1923 al ’26, che la introduce alla fotografia, che diventa la sua fedele compagna fino alla morte.

 

La mattina è arrivata chiara e brillante. “Ti farò dei ritratti oggi Zinnia”. Il sole del Messico ho pensato rivelerà ogni cosa. Parte della tragedia della nostra attuale vita potrebbe venire catturata, niente si può nascondere sotto questo cielo crudele e senza nubi. Si è appoggiata contro un muro bianco. Mi sono avvicinato…e l’ho baciata. Una lacrima è scivolata giù sulla guancia e allora ho fermato quel momento per sempre.

– the daybooks of Edward Weston, 30 gennaio 1924

 

Il Messico, un breve, triste, soggiorno a Berlino, poi Mosca. Scrittrice e militante del partito comunista, ma soprattutto testimone di grandi cambiamenti sociali e culturali.

E infine c’è Pablo Neruda, che all’amica dedica un dolcissimo epitaffio.

 
« Tina Modotti hermana,
no duermes no, no duermes
tal vez tu corazon
oye crecer la rosa
de ayer la ultima rosa
de ayer la nueva rosa
descansa dulcemente hermana.

 

Puro es tu dulce nombre
pura es tu fragil vida
de abeja sombra fuego
nieve silencio espuma
de acero linea polen
se construyo tu ferrea
tu delgada estructura »
 

edward weston portrait tina modotti

– portrait of Tina Modotti, by Edward Weston

tina modotti edward weston

– portrait of Edward Weston, by Tina Modotti

 

Tina Modotti is played by Ashley Judd in the movie Frida. The two women were friends, they shared ideals as well as the Mexican land, country of adoption for Tina. Many kind of works and many different countries: from Italy she went overseas, to the United States, in Hollywood she was a model and an actress, then muse of artists and photographers and wife.

And then there’s Edward Weston, partner from 1923 to ’26, who introduces her to photography, a faithful companion until her death.

 

Morning came clear and brilliant. “I will do some heads of you today, Zinnia.” The Mexican sun, I thought, will reveal everything. Some of the tragedy of our present life may be captured, nothing can be hidden under this cloudless cruel sky. She leaned against a whitewashed wall. I drew close…and kissed her. A tear rolled down her cheek – and then I captured forever the moment… 

– the daybooks of Edward Weston, January 30th 1924

 

Mexico, a short, sad, stay in Berlin, then Moscow. Writer and militant in the communist party, but above all a witness of great social and cultural changes.

And at the end, there is Pablo Neruda, who wrote to his friend a sweet epitaph.

 
« Tina Modotti hermana,
no duermes no, no duermes
tal vez tu corazon
oye crecer la rosa
de ayer la ultima rosa
de ayer la nueva rosa
descansa dulcemente hermana.
 
 
Puro es tu dulce nombre
pura es tu fragil vida
de abeja sombra fuego
nieve silencio espuma
de acero linea polen
se construyo tu ferrea
tu delgada estructura »

tina_modotti 

TINA MODOTTI

Tina_Modotti tina modotti fotografia fotografia tina modotti tina modotti fotografia tina modotti messico fotografia tina modotti tina modotti_ fotografia messico tina modotti messico tina modotti tina modotti