At the Water’s Edge: Fantastic Puppets and Where to Find Them.

Uncle Teu is ready. There are only few minutes to the beginning of the Vietnamese water puppetry show. Today, like everyday, he will go on the stage shouting “Sit down!” Like a colorful Punch, he will take the lead holding the narration with a thoughtless seriousness. He’s really good at making the difficult easy and vice-versa.

The lights are out. Musicians are waiting. Uncle Teu will analyze each situation with his cleaver irreverence like always. One, two and three: that cathartic moment is starting! Each spectator is holding the breath. It’s happening: reality meets imaginary at the water’s edge.

uncle-teu-water-puppets

[…] The puppet soldiers stand ready in two marching columns on either side, together with their prancing horses, their steady elephants firm as mountains, and their menacing guns that wait only for fire.” A nine years old French tourist is totally scared. He looks for his mother’s eyes in the darkness. He does not understand that language, but he can feel that threatening atmosphere.

DSC_0156

“But wait. Look! Up above, delightful fairies fly in the sky! Below them are a woodcutter, a farmer, a weaver, and some people fishing. A man at the bronze foundry is casting bells and statues. The monks and their devotees burn incense in prayer. The pagodas and communal houses are splendid.” The narrator is moving with no fears from the right to the left following a horizontal line and pointing his finger first here and then there. The stage is a shining pool.

vietnamese-water-puppets

“Look closely at the water! See the unicorn, tortoise, and phoenix! See the rat, dragon and snake! […]Brothers and Sisters, start the drums and castanets!” Suddenly the music is loud. Drums remember us as the time goes by, while the audience is completely hypnotized.

This is how a Vietnamese water puppetry show starts. No matter when and where. The narrator Uncle Teu introduces each show summarizing the most important scenes and the main characters of the story through a narrative prelude. Uncle Teu knows a lot about life, this is why he comments with no fears what is going on on the stage: he leads the narration.

water-puppets-mao

Vietnamese water puppetry talks about stories of common people such as farmers, weavers and fishermen who tried to overcome the ordinary world towards a magic fairy world. They meet legendary creatures like unicorns, turtles and phoenix.

They can overwhelm their deepest fears infested by rats, snakes and dragons. Vietnamese water puppetry, namely Mua Roi Nuoc, was created as a tool to look at the future, to face the change, and to give a hope to people. And this is why it’s great.

water-puppets-master

Vietnamese water puppetry is a millennial expressive form born in the Red River delta, today spread mainly in the Hanoi area. In fact, in the Northern Vietnam you can still find some little private theaters, especially in Buddhist temples and big houses yards. Vietnamese people still enjoy this peculiar kind of entertainment during weddings and birthdays.

If you are not so lucky to have the chance to watch a private performance, the best place to enjoy Vietnamese water puppetry is the historical theatre Thang Long.  The theatre opened in 1969 in Hanoi city center hosting famous historical troupe of masters, craftsmen, and musicians. Despite tourists, the Thang Long troupe can be considered the most skilled and talented troupe of the country.

Thang-Long-Water-Puppet-Theatre-Hanoi

Another option can be the Viet Culture Space, founded in 2008 and managed by the Vietnam Contemporary Art Theatre. The main aim of the new space is to promote different kinds of cultural and artistic initiatives.

This colonial building in the downtown hosts the Lotus Water Puppet, a rich program of water puppetry performances with masters from rural areas. The troupe tries to bring into the stage a show which combines traditional features with new fresh elements in order to attract a contemporary audience.  

Viet-Culture-Space-HanoiAt the moment in Vietnam there are about 26 guilds fighting to preserve the water puppetry. They are masters and craftsmen at the same time, who safeguard all secrets about the creation and the manipulation of puppets. The most famous guilds are in  Nguyen and Dong Cac, two villages in the province of Thai Binh, called “water puppetry villages”.

vietnamese-water-puppets-craftsmen

In these villages, you can find the most skilled and famous craftsmen of the country who committed their lives to the art of puppetry. Craftsmen and masters in these areas are supported by local NGOs in order to keep on performing in their amazing big outdoor sets with their handmade puppets. These villagers are quite far from the capital and they are reached by only few brave travelers.  

outdoor-water-puppets-theatre

For those who cannot go to Indochina, the Museum of Oriental Art, MAO in Turin is holding the first Italian exhibition about Asian puppets theater bringing that far and colorful world closer. “The figure of dreams: muppets, puppets and shadows in Oriental theater” talks about the puppets theater along centuries from India to China, from Vietnam to Indonesia, from Myanmar to Malaysia.

DSC_0144

DSC_0127

The exhibition shows more than 400 pieces of Augusto Grilli’s collection and it is enriched by special events and performances. Among those rare pieces there are several famous Vietnamese characters of the Mua Roi Nuoc of high artistic value.

DSC_0151 DSC_0122 DSC_0114

MARIONETTE D’ACQUA VIETNAMITI

A fior d’acqua: Marionette Fantastiche e Dove Trovarle.

Lo zio Teu è pronto. Mancano solo pochi minuti all’inizio dello spettacolo. Oggi, come ogni giorno, andrà in scena gridando a gran voce: “Sedetevi!”. Come un colorato Pulcinella prenderà le redini della narrazione con goliardica serietà. Il suo forte è rendere ciò che facile difficile e ciò che è difficile facile.

Le luci sono spente. I musicisti sono ai loro posti. Lo zio Teu ancora una volta commenterà ogni storia con intelligente irriverenza. Uno, due e tre: è arrivato quel momento catartico in cui ogni spettatore preso alla sprovvista trattiene il respiro. Quel momento in cui immaginario e realtà si incontrano sul bordo dell’acqua è arrivato.

“[…] I soldati sono in piedi pronti a marciare da entrambi i lati con i loro cavalli saltellanti, con i loro elefanti imponenti come montagne e con le loro minacciose pistole pronte a sparare.” Un turista francese di solo nove anni si fa prendere dallo spavento e cerca lo sguardo della madre nel buio. Non capisce quella lingua, ma percepisce quell’atmosfera minacciosa.

Ma aspettate! Guardate in alto! Splendide fate volano nel cielo. Sotto di loro un taglialegna, un contadino, un tessitore e alcuni pescatori. Un uomo sta sciogliendo campane e statue nella fonderia. I monaci con i loro fedeli stanno bruciando l’incenso durante una preghiera. Le pagode e le case sono splendide”. Il narratore si muove senza paura da destra verso sinistra in una linea orizzontale puntando il dito ora qui e ora lì. Il palcoscenico è una piscina.  

Guardate vicino all’acqua! Un unicorno, una tartaruga e una fenice. Vedete il topo, il drago e il serpente? […] Fratelli e sorelle, via ai tamburi e alle nacchere!” D’improvviso la musica diventa protagonista. I tamburi ci ricordano del tempo che passa mentre gli spettatori guardano ipnotizzati.  

Inizia così ogni spettacolo del teatro di marionette d’acqua vietnamita. Non conta il chi, il quando e il dove. Lo zio Teu, risata in vietnamita, introduce ogni spettacolo riassumendo, in un preludio narrativo, le scene salienti e i personaggi che prenderanno parte alla storia. Lo zio Teu sa il fatto suo e commenta senza paura ogni cosa che succede nella scena tirando le redini della narrazione.

Storie di persone comuni, come contadini, tessitori e pescatori che superano l’ordinario sbirciando in un mondo magico popolato da fate. Personaggi in grado di incontrare creature leggendarie come unicorni, tartarughe e fenici.  Eroi coraggiosi che superano le loro paure più profonde infestate da topi, serpenti e draghi.

Il teatro delle marionette d’acqua Mua Roi Nuoc nasce per guardare al futuro, per affrontare il cambiamento, per dare una speranza ai propri spettatori. Per questo è eccezionale.

Questo particolare tipo di teatro di figura è una forma d’arte millenaria nata nel delta del Fiume Rosso e ancora oggi diffuso principalmente nella zona di Hanoi. Nel nord Vietnam, infatti, resistono ancora alcuni piccoli teatri privati nei cortili di templi buddisti e abitazioni private. I vietnamiti utilizzano ancora questa forma di intrattenimento per celebrazioni speciali come compleanni e matrimoni.

Se non si è così fortunati da poter assistere ad una cerimonia privata il luogo migliore per vedere uno spettacolo è lo storico teatro Thang Long nel centro di Hanoi. Il teatro fondato nel 1969 ospita una compagnia di manipolatori esperti, artigiani e musicisti tra i migliori del paese.

Un’alternativa al teatro Thang Long è il Viet Culture Space gestito dal 2008 dal  Vietnam Contemporary Art Theatre che promuove differenti iniziative artistiche e culturali. L’edificio coloniale ospita anche il Lotus Water Puppet, un programma dedicato al teatro delle marionette d’acqua con manipolatori provenienti dalle zone rurali del paese.

La compagnia cerca di combinare nelle sue performance le caratteristiche tipiche della tradizione folkloristica vietnamita con elementi nuovi e freschi in grado di attirare anche un pubblico più contemporaneo.

Attualmente in Vietnam ci sono 26 corporazioni che custodiscono l’arte della creazione e della manipolazione delle marionette d’acqua. Le più note sono quelle di Nguyen e di Dong Cac nella provincia di Thai Binh, conosciuti come i “villaggi delle marionette d’acqua”. In questi villaggi, infatti, vivono gli artigiani più famosi ed esperti del paese che hanno dedicato la loro vita alla creazione delle marionette d’acqua e custodendone i segreti.

Gli artigiani, nonché eccezionali manipolatori, sono sostenuti da alcune NGOs locali e continuano a mettere in scena spettacoli mozzafiato nei loro storici teatri d’acqua all’aperto. Entrambi villaggi sono piuttosto distanti dalla capitale e solo i viaggiatori più esperti arrivano fino a lì.

Per chi non potesse arrivare fino in Indocina,  il Mao, Museo d’ Arte Orientale di Torino ha organizzato la prima mostra italiana dedicata al teatro di figura asiatico avvicinandoci a questo mondo lontano ed immaginifico.

“Le figure dei sogni: marionette, burattini, ombre nel teatro orientale” racconta il teatro di figura attraverso i secoli dall’India alla Cina, dal Vietnam all’Indonesia, dal Myanmar alla Malesia.

La mostra conta oltre 400 pezzi della collezione di Augusto Grilli ed è accompagnata da un ciclo di eventi speciali e spettacoli. Tra i pezzi della mostra sono presenti alcuni esempi dei personaggi più importanti delle marionette d’acqua vietnamiti di alto valore artistico.